Mafia e partiti: un rapporto consolidato

di MoVimento 5 Stelle Lombardia*

Cemento, mafia e politici a braccetto. Questa è la fotografia della Brianza, non a caso la provincia più cementificata d’Italia. Gli arresti di oggi sono l’ennesimo colpo durissimo alla credibilità della classe politica di centro-destra, in Brianza e in tutta la Lombardia, come dimostra anche la perquisizione degli uffici dell’ex Vicepresidente della Regione Mario Mantovani che secondo il Gip di Monza era il politico di riferimento dell’imprenditore al centro dell’indagine. Cemento e criminalità organizzata sono un connubio ormai consolidato, così come consolidati da tempo sono gli intrecci con la politica. Ormai non si può più parlare di “infiltrazioni” mafiose nel nostro territorio. La criminalità organizzata, in particolare quella di origine calabrese, è una presenza costante e ha piantato le proprie radici in profondità.

Le responsabilità dei politici sono enormi e l’arresto odierno del sindaco forzista di Seregno ne è solo l’ultima dimostrazione. Nonostante l’enorme lavoro della magistratura e delle forze dell’ordine, che non finiremo mai di ringraziare, l’Ndrangheta in Brianza continua a portare avanti i suoi sporchi affari grazie ad una classe politica collusa che fa ancora finta di non aver capito la gravità della situazione! Spazziamoli via dalle nostre città. Mettiamo in atto la legittima difesa dei cittadini: non votiamoli più.

*I portavoce M5S Bruno Marton, Davide Tripiedi, Gianmarco Corbetta e Mario Nava.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Mafia e partiti: un rapporto consolidato