Riforma Bankitalia? La facciamo assieme, grazie a Rousseau

di Alessio Villarosa

Ciao a tutti, sono Alessio Villarosa, il primo firmatario della proposta di legge di nazionalizzazione di Banca d’Italia, che ha finito il suo percorso sul nostro portale Lex. E questi sono i vostri commenti, che ho appena finito di leggere, sono 428 commenti e questo video serve più che altro per ringraziarvi perché grazie ai vostri commenti siamo riusciti a capire che probabilmente alcune migliorie a questa legge possono essere aggiunte. Ma non solo: non l’abbiamo fatto con esperti del settore, ma l’abbiamo fatto con cittadini iscritti al nostro portale che si sono rivelati a volte più in gamba di molti esperti. Cosa possiamo dire, abbiamo un sacco di indicazioni. Da indicazioni di principio, come ad esempio quella di Nino Borzì, che ci chiede di introdurre delle norme di principio all’interno della proposta di legge. Ad esempio ribadire che Banca d’Italia è di proprietà del popolo italiano e ne esercita le funzioni tramite la delega del Ministero del tesoro.

Oppure abbiamo alcune norme da valutare, valuteremo ad esempio quella di Modesto Volpe che mi dice di rivisitare l’abolizione dei privilegi che vengono dati ai familiari dei dipendenti di Banca d’ Italia. Oppure abbiamo alcune proposte un po’ particolari, queste le dobbiamo valutare bene, ma che hanno una loro base. Ad esempio, c’è chi come Alberto Costantini mi chiede di evitare che il governatore della Banca d?Italia, a fine mandato, possa finire a lavorare presso le stesse banche verso le quali ha amministrato. E’ vero che abbiamo messo un limite di 6 anni, ma potrebbe comunque essere eliminato dando la possibilità al governatore di diventare senatore a vita, visto che viene votato come il Presidente della Repubblica. E’ un po’ particolare, la valuteremo, valuteremo tutte le vostre proposte fattibili. Oppure c’è chi mi dice, come Giovanni Barosio, di far sì che la Commissione di Vigilanza appena istituita con questa proposta di legge abbia la possibilità di revocare il mandato del governatore, nel caso in cui sia sottoposto ad indagine per reati finanziari.

Ci sono anche molte proposte che esulano dalla proposta di legge in sé: vorrei ricordare a tutti quelli che mi chiedono la sovranità monetaria, che è un nostro interesse, l’interesse del M5S, ma la sovranità monetaria viene dopo, questo è un prerequisito, anche per arrivare ad una futura sovranità monetaria che però deve essere discussa in Europa. Quindi è la nostra linea, non vi preoccupate, però non è questa la proposta nella quale dobbiamo parlare di sovranità monetaria. E in più l’ultima cosa, avete chiesto di utilizzare dei termini più chiari e semplici nella scrittura delle leggi, è quello che diciamo sempre noi, che dice Beppe sul palco da dieci anni, basta con queste leggi che richiamano articoli e altro, siamo d’accordo ma dobbiamo prima cambiare le regole della Camera sul drafting normativo, ovvero sulla scrittura delle leggi.

Ad oggi non è possibile scrivere le leggi in maniera differente come abbiamo fatto noi quindi una volta andati al governo non vi preoccupate, cercheremo di migliorare anche questo. Ripeto il ringraziamento nei vostri confronti, mi raccomando seguiteci su Rousseau perché non sono solo queste le risposte che vi darò, risponderò ad ogni vostro commento anche il più assurdo, ad ogni vostro commento con integrazioni scientifiche di quello che dico. Cercherò di organizzare un appuntamento su Facebook e su vari social network per poter rispondere ad ulteriori domande vostre, e sono contentissimo che più dell’80% è favorevole a questa proposta di legge. Sono contentissimo che sia questo il metodo democratico per scrivere le proposte di legge perché questo mi dà ancora più forza per portare avanti non le mie idee ma le nostre idee. Seguiteci!

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Riforma Bankitalia? La facciamo assieme, grazie a Rousseau