A Sanremo il MoVimento non molla e vince le sue battaglie

dsiuhcvs.jpg

di MoVimento 5 Stelle Sanremo

“Non riusciranno a liberarsi di noi perché è difficile vincere chi non si arrende mai” Queste erano le parole di Gianroberto e a Sanremo sono vive più che mai.

Noi del M5S dopo aver trascorso un anno al nostro presidio davanti all’ennesima discarica per cercare di bloccarne la costruzione: il lotto 6 (e purtroppo non ci siamo riusciti) non ci siamo arresi!

La determinazione, l’unione con i cittadini, lo studio delle pratiche con l’aiuto del. giurista dottor Grondacci, ci ha portato ad un risultato storico: scoprire e bloccare la costruzione di una nuova discarica di inerti di 1.300.000 metri quadri (Valle Armea – Rio Cascine) INSERITA NELLE VARIANTI DEL NUOVO PUC DI SANREMO.

Abbiamo salvato una vallata! Ma andiamo con ordine…..

Il 10 gennaio scorso avevamo intervistato una residente del luogo la sig.ra Franca Prato che ci aveva illustrato in dettaglio che la nuova discarica, oltre a seppellire di terra la sua fiorente azienda agricola, avrebbe coperto migliaia di ulivi e vigneti e messo in ginocchio diverse aziende, in una zona ricca d’acqua e sorgenti. Inoltre questa nuova discarica sarebbe arrivata a 20 metri dalle case.

Ci siamo informati e la nuova discarica di inerti sarebbe stata 5 volte più grande del Lotto 6 (la discarica provinciale che non eravamo riusciti a bloccare, nonostante il presidio e i numerosi esposti). Era evidente che appena saputo di questa nuova possibile devastazione ambientale ci siamo mossi immediatamente.

Abbiamo fatto video e comunicati stampa per avvisare la cittadinanza. Non abbiamo lasciato nulla di intentato. NULLA.

E’ stato un fulmine a ciel sereno per la comunità. Uno scandalo!

Per 40 anni, in quella zona, sono state sbancate intere colline per riempirle di rifiuti e poi noi del M5S, insieme ai cittadini, scopriamo che sono state inserite delle varianti nel nuovo PUC di Sanremo che prevedono una NUOVA DISCARICA di terra e rocce di scavo.

Questa volta però non avrebbero sbancato le colline ma seppellita un’intera vallata invece di bonificare quella zona volevano continuare con la devastazione ambientale.

Il Sindaco ha risposto ai nostri comunicati stampa inizialmente minimizzando, dicendo che si sarebbe trattato di una discarica di inerti e non di rifiuti.

Intanto occorre ricordare che se si parla di “discarica” si rientra automaticamente nella normativa sui rifiuti, non siamo noi a dirlo ma la legge che il Sindaco, o chi per lui, dovrebbe conoscere.
L’affermazione quindi contenuta nel comunicato del Sindaco era totalmente infondata e non faceva ben sperare sulla capacità di questa Amministrazione di gestire correttamente sotto il profilo della tutela ambientale questa ennesima provocazione al territorio della zona di Collette.

Il 20 gennaio 2017, dopo la nostra grande mobilitazione e a poche ore dall’incontro pubblico che avevamo organizzato per la cittadinanza, leggiamo sui giornali online che la Idroedil avrebbe ritirato il progetto della discarica di inerti e anche l’amministrazione comunale avrebbe ritirato la variante al PUC.

Ora, per noi, queste comunicazioni non erano assolutamente sufficienti e ci lasciavano molto perplessi dal momento che si amministra con gli atti e non con le dichiarazioni a mezzo stampa ed infatti abbiamo proseguito la nostra battaglia.

Il 18 gennaio 2017
abbiamo presentato in Comune e alla Regione le Osservazioni tecniche molto dettagliate alle Varianti del PUC con allegato materiale fotografico e chiedendone il ritiro.

Abbiamo chiesto lo stralcio delle varianti 44 e 45 del PUC legate alla previsione di una discarica di terre e rocce di scavo, classificata come area a Servizi (SP 25 attrezzature sanitarie ospedaliere), attività per noi giudicata incompatibile sotto il profilo paesistico, ambientale, idrogeologico, di accessibilità e per la presenza di attività agricole in funzione.

Le nostre osservazioni alle varianti sono state pienamente ACCOLTE dall’amministrazione e dopo il passaggio in Consiglio Comunale avvenuto il 16 maggio: è ormai ufficiale LA DISCARICA NON SI FARA’ PIU’!
La vallata è salva!

Una grandissima vittoria per noi e per tutti i cittadini attivi, una dimostrazione lampante che le discariche si possono e si devono fermare perché la devastazione ambientale deve essere bloccata e protetta la qualità di vita di tutti.

Abbiamo presentato anche un’altra Osservazione questa volta riguardante le varianti 34 e 35 valle Armea e Zone collaterali inerente la zona denominata ex discarica inerti Trasca.

Una zona martoriata, anche lì prima c’era un immenso vallone (si parla degli anni 80) che è stato riempito dai materiali di risulta provenienti dai lavori dello spostamento della ferrovia.

La ex discarica di inerti Trasca era in funzione in epoche nelle quali la disciplina dei rifiuti europea non era ancora in vigore nel nostro paese.

La ex-Trasca è sicuramente una zona da bonificare e non certo da utilizzare per la filiera della raccolta differenziata dei rifiuti (senza trattamento a caldo) come proposto nella variante del PUC. Inoltre il piano di bacino classifica quell’area come Pg3 ovvero: “suscettibilità al dissesto ELEVATO, aree in cui sono presenti indicatori geomorfologici diretti, quali l’esistenza di frane quiescenti o di segni precursori o premonitori di movimenti”

Quindi, in ragione di una pluralità di criticità geologiche, paesaggistiche ed ambientali abbiamo richiesto lo stralcio delle varianti e delle conseguenti previsioni del DT11 i cui effetti per noi erano ritenuti eccessivamente impattanti.

Le nostre osservazioni alle varianti anche qui sono state ACCOLTE e quindi le varianti 34 e 35 sono state stralciate.
Le funzioni ammissibili non saranno più nell’ambito della filiera dei rifiuti ma spazi a verde attrezzato. Quindi i 26.986 mq che dovevano essere destinati ad attrezzature sanitarie ospedaliere nell’ex Trasca si sono tramutate in 26.986 mq. di verde, gioco e sport di interesse comune.

Anche qui un’altra bella vittoria da condividere con la collettività.

Le grandi battaglie si vincono insieme e si condivide anche la gioia e quindi siete tutti invitati il 27 maggio alle ore 11.30 alla piazzetta del Presidio, suoneremo le campane della Chiesetta per avvisare tutta la vallata dello scampato pericolo e si festeggerà tutti insieme.

“Non riusciranno a liberarsi di noi”
e questo l’hanno capito ormai. Noi andiamo avanti, senza paura perché i cittadini non li puoi fermare, perché se siamo uniti le cose cambiano! Eccome se cambiano, in meglio.

Suoneremo le campane e si sentiranno in tutta la vallata, come una volta, e sarà un’immensa gioia condivisa.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere A Sanremo il MoVimento non molla e vince le sue battaglie