Codice Etico M5S: anche Cantone lo condivide!

movivivi.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Dopo l’elogio ricevuto da Di Matteo e i giusti richiami di Davigo al mondo politico, adesso anche Cantone esprime parole che sembrano andare nella direzione di integrale condivisione del Codice Etico del M5S, applicato a tutti gli eletti, agli iscritti e agli assessori che ricoprono funzioni pubbliche.

Il Presidente dell’Anac, ha, infatti, affermato quanto il M5S ha sempre sostenuto, sino a metterlo per iscritto in un testo che, ricordiamo, è stato votato democraticamente dai cittadini. Ecco le parole di Cantone: “credo che la politica debba avere delle regole che vanno al di là delle indagini giudiziarie“.

Ancora “ci sono dei comportamenti che non sono penalmente rilevabili, per esempio se un soggetto frequenta quotidianamente nella sua vita pregiudicati o camorristi, non commette alcun reato, ma può fare politica? E’ un soggetto idoneo a rappresentare la classe dirigente? Io vorrei che la politica fosse grado di fare scelte autonome, facendo valutazione dei fatti. La politica dovrebbe essere in grado di giudicare, ma anche di assumersi le responsabilità, cioè io punto su quella persona che è onesta”.

Queste parole sono riassunte nelle poche ma chiare regole del Codice Etico, che se applicate da tutti i partiti politici ai propri esponenti, avrebbero la forza di spazzare via, non solo condannati in primo grado, prescritti o rinviati a giudizio per reati gravi come corruzione, voto di scambio, ecc. ma anche tanti altri personaggi ambigui che ricoprono cariche pubbliche e che si rendono responsabili di condotte, atti o azioni lesive di quei valori etici e principi morali derivanti dall’appartenenza alle istituzioni e dal vincolo che li lega a queste ultime.

Queste norme farebbero rifiorire nuovamente lo Stato. Non ci sarebbero più i vari Alfano (politicamente coinvolto negli scandali legati al business degli immigrati, al vertice di un partito – NCD – pieno di indagati e fratello di uno assunto alle Poste senza aver fatto alcun concorso pubblico e privo di competenze specifiche e che percepisce oltre 200 mila euro all’anno), Verdini (plurindagato e condannato), De Luca (quello dell’istigazione allo scambio di voti), Castiglione (sempre di NCD, rinviato a giudizio per la vicenda del Cara di Mineo), Azzollini (coinvolto nell’appalto del Porto di Molfetta), Formigoni (condannato in primo grado a sei anni per corruzione), e tanti altri ancora.

La gestione della cosa pubblica deve essere affidata solo a persone libere, slegate da qualsiasi interesse privato, prive di qualsiasi zona d’ombra, dedite solo all’interesse pubblico e a quello dei cittadini e, soprattutto, a totale servizio dello Stato, a cui non solo devono restare per sempre fedeli per giuramento fatto, ma che sono obbligati a proteggere da qualsiasi contaminazione o infiltrazione di tipo illecito, sia proveniente dall’interno che dall’esterno. Il M5S non è “pelosamente” garantista. E’ solo diverso da tutti gli altri partiti. Ne prendano atto!

Per noi lo Stato è sacro e viene prima di tutto e di tutti!

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Codice Etico M5S: anche Cantone lo condivide!

Corruzione, Cantone riconosca che la responsabilità è del Governo

cantoneanacoruzzio.jpg

di MoVimento 5 Stelle Senato

Alcuni giorni fa Raffaele Cantone è tornato nuovamente a parlare di corruzione. Un cancro che sta impoverendo sempre di più il nostro Paese e sta togliendo il futuro ai nostri giovani, costretti in massa ad emigrare all’estero. Alcune dichiarazioni di Cantone sono assolutamente condivisibili. Corrispondono allo stesso pensiero del M5S. Ha ragione, infatti, quando dice che contro la corruzione ci vogliono più intercettazioni, anche solo davanti ad indizi, e che la privacy non vale per chi ruba. Ha ragione quando dice che, così come ha avuto modo di constatare anche con il tangentificio Expo, viene considerato normale lavorare per chi aveva condanne passate in giudicato. Ha ragione quando dice che deve esserci certezza della pena per i corrotti che devono essere esclusi dal sistema e che sarebbe bene il sequestro dei beni frutto da illeciti, perchè la corruzione è equiparabile alla mafia. Ha ragione, quando dice tutto ciò.

D’altronde il M5S ha proposto, sin dal 2013, l’introduzione del DASPO, ovvero l’interdizione perpetua ad intrattenere qualsiasi rapporto (contrattuale e non) e a gestire la cosa pubblica, per tutti coloro (politici, funzionari pubblici e imprenditori, siano essi persone fisiche che giuridiche) condannati in via definitiva per reati di corruzione contro la PA e allontanarli definitivamente dal sistema. Ha proposto norme che sopprimono i limiti posti all’utilizzo delle intercettazioni informatiche e alle norme bavaglio. Ha proposto l’utilizzo per la corruzione degli stessi strumenti di indagine della mafia e l’utilizzo delle intercettazioni per le società non quotate (circa il 94%, tra le quali anche le Cooperative). Ha proposto l’introduzione dell’agente provocatore o sotto copertura per i reati contro la PA, finalizzati a scovare corrotti e corruttori. Ha proposto l’aumento dei termini di prescrizione per i reati contro la PA e la cessazione della decorrenza del termine di prescrizione dal momento del rinvio a giudizio o dalla sentenza di condanna di primo grado per garantire la certezza della pena. Ha proposto la tutela per chi denuncia frodi e irregolarità consumatisi all’interno del proprio posto di lavoro (cd. wistleblowing). Ha proposto il sequestro e la confisca da parte dello Stato dei beni (sia mobili che immobili) detenuti da soggetti condannati per reati di corruzione, equiparando, di fatto, quest’ultima alla mafia. Dunque le belle parole del Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, sono state formalizzate nelle proposte di legge avanzate in Parlamento dal M5S.

Una cosa però Cantone ha omesso di dire. E cioè che a bocciare tutte le proposte del M5S e, dunque, a sconfessare le sue stesse dichiarazioni è stato il Governo ed il PD. Se la corruzione continua a dilagare, a non trovare argini, a sottrarre miliardi di euro alla sanità, alla sicurezza, ai trasporti, agli appalti pubblici la responsabilità è solo ed esclusivamente loro. Vero Cantone?

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Corruzione, Cantone riconosca che la responsabilità è del Governo

Scuola: al fianco dei docenti in piazza, lettera a Cantone su graduatorie (04-08-2016)

ROMA, 4 agosto 2016 – "Per la prima volta le graduatorie per le assunzioni così come i trasferimenti, non sono pubblici e il ministero dell’Istruzione è sommerso dai ricorsi. Di fronte a questa situazione abbiamo ritenuto necessario scrivere al dottor… Continua a leggere Scuola: al fianco dei docenti in piazza, lettera a Cantone su graduatorie (04-08-2016)

Scuola: al fianco dei docenti in piazza, lettera a Cantone su graduatorie (04-08-2016)

ROMA, 4 agosto 2016 – "Per la prima volta le graduatorie per le assunzioni così come i trasferimenti, non sono pubblici e il ministero dell’Istruzione è sommerso dai ricorsi. Di fronte a questa situazione abbiamo ritenuto necessario scrivere al dottor… Continua a leggere Scuola: al fianco dei docenti in piazza, lettera a Cantone su graduatorie (04-08-2016)

Sanità: la corruzione è endemica, dall’Anac un primo passo per contrastarla

ROMA, 6 novembre – "Finalmente qualcosa sembra muoversi rispetto al contrasto alla corruzione in sanità. L’aggiornamento del Piano nazionale per la prevenzione presentato oggi dal presidente dell’Anac rappresenta un primo passo nell’ambito di un’operazione che deve necessariamente essere di… Continua a leggere Sanità: la corruzione è endemica, dall’Anac un primo passo per contrastarla

M5S a Cantone: "Incompatibilità per Commissario vesuviano ai servizi idrici"

Roma, 2 aprile 2015 – Due poltrone incompatibili, due incarichi in conflitto di interesse: è la denuncia presentata dal M5S a Cantone con una lettera. A scrivere è stato il deputato del Movimento Cinque Stelle Luigi Gallo che ha… Continua a leggere M5S a Cantone: "Incompatibilità per Commissario vesuviano ai servizi idrici"

Incompatibilità: totale sintonia con Cantone su ordini professionali

Roma,12 marzo – "Sui temi della trasparenza e dell’incompatibilità di incarichi negli ordini professionali le parole pronunciate ieri sera dal dottor Cantone sono state chiare e nette : gli ordini, in quanto enti pubblici non economici, devono sottostare a… Continua a leggere Incompatibilità: totale sintonia con Cantone su ordini professionali

Nucleare, commissari Cemex è vittoria M5S

Roma – 11 febbraio 2015 – "Il commissariamento dell’appalto Cemex nel sito Eurex di Saluggia è un’ottima notizia per la collettività ed è un risultato conseguito dopo le denunce del Movimento 5 Stelle che a ottobre scorso ha scritto… Continua a leggere Nucleare, commissari Cemex è vittoria M5S

#MafiaCapitale M5S incontra Cantone, mr. anticorruzione. Ecco cosa dice…

Raffaele Cantone è il presidente dell’Anac, l’Autorità Nazionale Anticorruzione, ed ha una bella gatta da pelare: è stato appena incaricato dal governo di controllare gli appalti del Comune di Roma in seguito allo scandalo Mafia Capitale. Cantone non è… Continua a leggere #MafiaCapitale M5S incontra Cantone, mr. anticorruzione. Ecco cosa dice…