Tutti i numeri di #Italia5Stelle

di Roberta Lombardi

Centomila persone coinvolte in una due giorni di grande partecipazione. Italia 5 Stelle è stato un successo incredibile con portavoce, attivisti, simpatizzanti e semplici curiosi venuti da tutta Italia. Tutta Palermo era sold out, così come erano pieni i 188 gazebo allestiti per l’occasione in una splendida area di 40mila metri quadri, di cui circa 10mila metri coperti.

Più di 450 i volontari coinvolti nelle varie aree, dall’ambiente alla logistica, passando per il ristoro, l’accoglienza e l’assistenza, l’area bimbi e il merchandising. Un grazie va anche ai dieci medici e quattordici infermieri impegnati nelle cinque ambulanze che hanno operato sessanta interventi durante la manifestazione.

La raccolta differenziata della due giorni è stata del 79% con il contributo di tutti i presenti e dei volontari. Sono stati raccolti poco meno di novemila chili di rifiuti: 45% di organico, 24% di plastica e metalli, 7% di carta, 4% di vetro e 21% di indifferenziato. Abbiamo quindi risparmiato 30mila bottigliette d’acqua grazie all’erogazione dell’acqua direttamente dall’apposita casetta e dalle fontanelle.

Abbiamo infine estratto i quattro numeri della lotteria per le compostiere da ufficio prodotte con la stampante 3D. I numeri sono AZ24, AZ51, AZ17 e BI087.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Tutti i numeri di #Italia5Stelle

Un reportage da #Italia5Stelle a Palermo

bg_pale.jpg

di Gianpiero Caldarella su Scomunicazione

La forma è sostanza. L’appuntamento nazionale che il Movimento 5 Stelle si è dato a Palermo il 24 e 25 settembre è stato qualcosa di fuori dall’ordinario, di “eccezionale”, che racconta di un mutamento sociale ed antropologico in atto nella società italiana, o almeno in una sua parte “rilevante”. Starebbe proprio in quest’aggettivo, “rilevante”, la differenza con la storia di altri partiti d’opposizione in Italia, che se da un lato hanno risposto all’esigenza di rappresentatività delle minoranze, dall’altro non si sono mai posti l’obiettivo di superare gli steccati in cui altri li avevano rinchiusi o in cui essi stessi si erano rifugiati. Non è neanche necessario toccare i contenuti per rendersi conto che la “pericolosità” del Movimento, per i partiti tradizionali, non è solo il frutto della qualità delle sue proposte politiche ma soprattutto delle particolari modalità di partecipazione politica.

Cercherò di raccontare per punti quanto ho visto e le riflessioni che ne sono seguite.

LA PARTECIPAZIONE. I ragionieri delle cifre possono fare la lotta per anni (100mila? 50 mila? 4 gatti?), ma il dato veramente significativo è che il prato del Foro Italico era gremito di persone, come se fosse il giorno del Festino di Santa Rosalia, patrona della città, o il “grande evento” della visita di Papa Benedetto nel 2010. Ma se in quei casi era la fede a muovere le masse (o la qualità dei gruppi musicali proposti alla fine del Festino), in questo caso era palpabile la voglia di partecipazione politica. Nel capoluogo siciliano in quei giorni era difficile trovare posto in albergo e qualcuno ci ha anche speculato alzando i prezzi, e basterebbe questo indicatore per dirci che, al di là dei dati forniti dalla questura o da qualche organo di stampa, a riempire alberghi e b&b erano persone in carne ed ossa e non profili facebook o troll esaltati. Famiglie venute in autobus da Cosenza con figli al seguito, attivisti friulani che hanno preso l’aereo per venire sino a Palermo, signore ultraottantenni venute dalla Capitale, gruppi di ragazzi scesi dalla Puglia in auto. E tanti siciliani allettati dalla prospettiva di trasformare la Sicilia nella prima regione a guida pentastellata.

Giusto per avere un termine di paragone, è impossibile non pensare alle Feste dell’Unità nazionali, dove i discorsi dei leader (segretario di partito e dirigenti o ministri nel caso di centrosinistra al governo) sono seguiti da una minoranza esigua delle persone che visitano la festa. Cifre a due zeri o a tre quando va bene, ma non certo a 4 zeri come nel caso della kermesse dei 5 stelle a Palermo. Diciamocelo senza ipocrisie, alle feste del PD i più vanno per comprare qualcosa agli stand o mangiare la salamella o ascoltare il gruppo musicale di grido a fine giornata. Sino ad arrivare ad esperienze “stellari” come l’aver invitato (indebitando il partito) quest’anno il capitano Kirk di Star Trek a Bologna per cercare di attirare gente.

Ma il dato più interessante è un altro. Chiunque sia stato al Foro Italico il 24 e il 25 settembre avrà notato che durante i pochi intermezzi musicali molta gente si allontanava dal parco centrale lasciando dei buchi che permettevano ai più pazienti di sedersi e riposarsi un po’. Quando poi tornavano sul palco gli oratori (e ciò vale non solo per i “big” del partito, ma anche per i meno noti parlamentari o i consiglieri regionali) la gente tornava in massa ad avvicinarsi al palco. Questi spostamenti dimostravano che quella gente era lì per ascoltare qualcosa di politico e non per distrarsi una serata. Non mi sembra una differenza da poco.

L’ASCOLTO. Molta gente ha partecipato a questa due giorni non solo per ascoltare, ma per farsi ascoltare. E gli amministratori locali, i consiglieri regionali e i parlamentari del Movimento 5 Stelle non si sono lasciati sfuggire questa occasione.

Decine di dibattiti molto partecipati sui temi più disparati -dall’immigrazione alle politiche energetiche, dalla lotta alla mafia in giacca e cravatta alle proposte su scuola e università- hanno consentito a migliaia di persone di avere un’idea su quello che il Movimento 5 Stelle propone. Per alcuni di loro è stata una formazione di base, per altri un’occasione per colmare delle lacune, per altri ancora la possibilità di essere ascoltati. I relatori non stavano seduti dietro a un tavolo, ma in piedi, spesso in mezzo alla gente, quasi a voler annullare la distanza fra chi parla e chi ascolta.

Ma i momenti di confronto tra politici e cittadini continuavano sul prato o su via Messina Marine dove anche i parlamentari giravano tranquillamente senza scorta, senza un codazzo di questuanti, senza preoccupazione, come se fossimo in un qualunque paese europeo. Non c’erano favori da chiedere. Non c’era gente incazzata che rimproverava loro di aver rubato . Praticamente un film inedito (o quasi) in Italia.

IL MODELLO. Il partito liquido immaginato da Veltroni ha fallito. I vertici sono sempre più distanti dalla base che spesso non comprende le scelte della direzione e che talvolta vengono contestate con forza anche in occasioni pubbliche. Quel liquido sembra stagnare ormai da tempo, come in una palude. Al contrario, nel Movimento 5 Stelle si fondono due modelli diversi. Il primo lo definirei “gassoso”, impalpabile, che trova il suo riferimento nella rete e nelle sue dinamiche di aggregazione e comunicazione. Un modello in costante evoluzione che trova nel sistema operativo Rousseau una sorta di agorà virtuale che permette di scegliere i candidati, proporre delle iniziative legislative, capire come funzionano le istituzioni. Il secondo modello è invece quello “solido”, che trova i suoi riferimenti nell’esperienza associativa dei partiti di sinistra fino agli anni ’80 del secolo scorso. I due modelli non sono alternativi, ma complementari. Riescono cioè a dare energia alla stessa macchina come se fosse alimentata da un motore ibrido.modello

La spinta maggiore viene dai più giovani che usano le nuove tecnologie, ma attraverso il passaparola e la comunicazione faccia a faccia si riescono a muovere anche quelle fette di popolazione che normalmente non hanno molta confidenza con internet, come gli ultrasettantenni, che certamente non erano assenti alla kermesse di Palermo.

IL SERVIZIO. Centinaia di volontari hanno reso possibile l’evento dando informazioni al pubblico e permettendo al prato del Foro Italico di non trasformarsi in un’immensa discarica di immondizia come succede ogni anno dopo il Festino o in una distesa di bottigliette d’acqua come è successo dopo la visita del Papa. L’acqua potabile era disponibile per tutti grazie a un sistema di filtraggio e distribuzione ma bisognava arrivare con una bottiglia acquistata altrove, ad esempio nei bar a qualche centinaio di metri e poi la si riutilizzava più volte. Risultato: un numero infinitamente minore di bottiglie in circolazione e nessuna per terra. Per quanto riguarda l’immondizia in genere, la gestione del servizio, sempre affidata ai volontari, è stata qualcosa che spero i palermitani non dimenticheranno. Accanto ai numerosi punti per la raccolta differenziata c’era sempre un volontario che dava informazioni ai cittadini su quale cassonetto utilizzare per smaltire le cicche o le vaschette d’alluminio o i bicchieri di plastica.

In qualche modo non solo è stato garantito un servizio efficiente ma si è anche fatta educazione sul corretto smaltimento dei rifiuti. Per finire, c’erano numerosi volontari occupati a raccogliere quei rifiuti che “sfuggivano” ai cassonetti. Risultato finale: tutto era pulito “in diretta”, attimo per attimo, e il prato non ha sofferto neanche per i mozziconi di sigaretta. Riflessione finale: ho sempre ammirato gli “anziani” volontari delle feste dell’Unità, ricordo con affetto quelli di Bologna nel 2007 che preparavano da mangiare e pulivano e accoglievano tutti con un sorriso, ma spesso sottolineavano che i giovani non volevano saperne di seguire il loro esempio, e non era difficile cogliere nella loro voglia di partecipazione un senso di nostalgia per quel che il PCI aveva rappresentato nella loro vita. A Palermo invece ho visto dei giovani volontari, certamente con meno esperienza e meno lotte alle spalle, ma ho avuto la sensazione che fossero animati da un desiderio di cambiamento, dalla speranza di poter contribuire a qualcosa di giusto che deve ancora arrivare. Altro che il “tutto nero” che viene rappresentato dai tanti commentatori professionisti. Il “no future” è altrove.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Un reportage da #Italia5Stelle a Palermo

La maglietta di #IoDicoNo per sostenere il M5S

iodicono_mag.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Il MoVimento 5 Stelle non prende fondi pubblici, ha rinunciato a 42 milioni di euro di rimborsi elettorali, deputati e senatori si tagliano lo stipendio per finanziare il fondo del microcredito per le imprese. La nostra forza sono le migliaia e migliaia di cittadini che ci sostengono con le loro micro-donazioni che ci consentono anche di organizzare manifestazioni come Italia 5 Stelle.

Su http://bep.pe/iodicono potrete acquistare le magliette della campagna #iodicono, per sostenere il ‘no’ al referendum costituzionale e farlo sapere a tutti. Ovviamente i fondi raccolti dalle vendita di magliette andranno a sostenere le spese di Italia 5 Stelle

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere La maglietta di #IoDicoNo per sostenere il M5S

DIRETTA: #Italia5Stelle live da Palermo, giorno 2

>>> Acquista la maglietta #IoDicoNo per sostenere il MoVimento 5 Stelle su: http://bep.pe/iodicono

Alle 10 inizia la seconda giornata di #Italia5Stelle al foro italico di Palermo! Dalle 11 inizierà lo streaming.
Dalla mattina inizieranno subito le agorà con i portavoce M5S. A partire dalle 14 sul palco si alterneranno i portavoce M5S e artisti e cantanti.

VIDEO Beppe e l’inno di Italia 5 Stelle

Saliranno sul palco a partire dalle 14 in qualità di portavoce M5S: Davide Bono, Max Bugani, Giancarlo Cancelleri, Nunzia Catalfo, Chimienti, Ignazio Corrao, Vito Crimi, Cettina Di Pietro, Manlio Di Stefano, Laura Ferrara, Riccardo Fraccaro, Giulia Grillo, Alvise Maniero, Maria Marzana, Nicola Morra, Filippo Nogarin, Riccardo Nuti, Federico Piccitto, Virginia Raggi, Alice Salvatore, Paola Taverna, Danilo Toninelli, Gianluca Vacca, Alessio Villarosa.
Ci saranno anche gli interventi di Martin Blake, Ursula Sladek e un collegamento in diretta da Londra con Julian Assange, il fondatore di Wikileaks.
Si esibiranno l’Orchestra Todrani, Giovanni Romano, Il nero con il cabo e Sulle orme di Django.
Per chi non potrà essere fisicamente presente (sigh) sul blog e sulla pagina Facebook del MoVimento 5 Stelle sarà trasmesso l’evento in streaming fino alle 18.30 di stasera.
Mandate foto dell’evento se siete al Foro italico o messaggi di sostegno se siete a casa su Twitter, Instagram e Facebook utilizzando l’hashtag #Italia5stelle. Le foto e i messaggi più belli saranno trasmessi sui maxischermi.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere DIRETTA: #Italia5Stelle live da Palermo, giorno 2

INQUINAMENTO: DEBORA SERRACCHIANI TUTELA PIU’ LE IMPRESE CHE LA SALUTE DEI CITTADINI

“Il vice segretario del Partito democratico Debora Serracchiani tutela più le imprese che la salute dei cittadini”. Sul palco di “Italia 5 Stelle” a Palermo la portavoce del MoVimento 5 Stelle in Consiglio regionale Eleonora Frattolin boccia senza appello le

Continua a leggere INQUINAMENTO: DEBORA SERRACCHIANI TUTELA PIU’ LE IMPRESE CHE LA SALUTE DEI CITTADINI

#Italia5Stelle live da Palermo

Alle 11 inizia #Italia5Stelle al foro italico di Palermo! Dalle 12 inizierà lo streaming.
Dalla mattina inizieranno subito le agorà con i portavoce M5S. A partire dalle 18 sul palco si alterneranno i portavoce M5S e artisti e cantanti.

VIDEO Beppe Grillo sabato mattina al mercato di Ballarò

Saliranno sul palco: Beppe Grillo, Davide Casaleggio, Airola, Appendino, Bonafede, Borrelli, Brescia, Castelli, Cioffi, Crippa, Di Battista, Di Maio, Fantinati, Ferraresi, Fico, Giannarelli, Giarrusso, Girotto, La Rocca, Mannino, Martelli, Nugnes, Puddu, Ruocco, Sibilia, Villarosa, Zolezzi.
Ci saranno anche gli interventi di Petra Reski, Walter Stahel, Rob Hopkins e Dario Fo.
Si esibiranno l’Orchestra Todrani, i Merce Fresca e Gigi D’Agostino a partire dalle 22.00.
Per chi non potrà essere fisicamente presente (sigh) sul blog e sarà trasmesso l’evento a partire dalle 10 di oggi e fino alle 18.30 di domenica.
Mandate foto dell’evento se siete al Foro italico o messaggi di sostegno se siete a casa su Twitter, Instagram e Facebook utilizzando l’hashtag #Italia5stelle. Le foto e i messaggi più belli saranno trasmessi sui maxischermi.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere #Italia5Stelle live da Palermo

#Italia5Stelle live da Palermo

Alle 11 inizia #Italia5Stelle al foro italico di Palermo! Dalle 12 inizierà lo streaming.
Dalla mattina inizieranno subito le agorà con i portavoce M5S. A partire dalle 18 sul palco si alterneranno i portavoce M5S e artisti e cantanti.

VIDEO Beppe Grillo sabato mattina al mercato di Ballarò

Saliranno sul palco: Beppe Grillo, Davide Casaleggio, Airola, Appendino, Bonafede, Borrelli, Brescia, Castelli, Cioffi, Crippa, Di Battista, Di Maio, Fantinati, Ferraresi, Fico, Giannarelli, Giarrusso, Girotto, La Rocca, Mannino, Martelli, Nugnes, Puddu, Ruocco, Sibilia, Villarosa, Zolezzi.
Ci saranno anche gli interventi di Petra Reski, Walter Stahel, Rob Hopkins e Dario Fo.
Si esibiranno l’Orchestra Todrani, i Merce Fresca e Gigi D’Agostino a partire dalle 22.00.
Per chi non potrà essere fisicamente presente (sigh) sul blog e sarà trasmesso l’evento a partire dalle 10 di oggi e fino alle 18.30 di domenica.
Mandate foto dell’evento se siete al Foro italico o messaggi di sostegno se siete a casa su Twitter, Instagram e Facebook utilizzando l’hashtag #Italia5stelle. Le foto e i messaggi più belli saranno trasmessi sui maxischermi.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere #Italia5Stelle live da Palermo

– 1 a #Italia5Stelle

ita5stellePA2016.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Italia 5 stelle al via. Domani mattina, a partire dalle 10, parte la terza edizione del raduno nazionale del MoVimento 5 Stelle. Saranno presenti i portavoce nazionali di Camera e Senato, gli europarlamentari, consiglieri regionali e comunali di tutta Italia.

Dalle 10 via alle agorà tematiche con portavoce e cittadini che si confronteranno su: Agricoltura: alla riscoperta delle risorse della terra; Beni culturali: come gestire il patrimonio comune; Le grandi opere che devastano il territorio; Diritto d’autore e digitalizzazione per un’Italia più competitiva; Immigrazione: verso un accoglienza più giusta; Il business dell’immigrazione; Il buon governo dei comuni M5S; Difesa: sovrani sul nostro territorio; Difesa degli animali: una legge contro ogni forma di violenza; No austerity: un bilancio democratico per il benessere dei cittadini; Come gli enti locali possono contrastare il gioco d’azzardo; Inquinamento, il ruolo delle regioni; Trasporti: sicurezza, grandi opere e concessioni autostradali; Turismo: tra riconversione produttiva e opportunità per il futuro; Malasanità e sprechi alimentari; La mafia in giacca e cravatta: gli strumenti per combatterla.

Le agorà si svolgeranno in due aree dedicate e nei gazebo Parlamento italiano e Parlamento europeo. Per chiunque sia interessato al prossimo referendum costituzionale, ci sarà un’area dedicata in cui svolgeranno altre agorà dedicate al tema e alla campagna #iodicono.

Dalle 18 gli interventi dal palco mentre si attende l’arrivo della carovana di moto partita da Siracusa che ha raccolto motociclisti in giro per la Sicilia in pieno stile costituzione coast to coast. La sera largo all’intrattenimento con il dj set di Gigi D’Agostino.

Domenica dalla 10 parliamo di: buon governo nei comuni M5S; Rc auto: per una tariffa piu’ equa; Spegniamo gli inceneritori; Difendiamo la sanità pubblica: la salute è un diritto; Sicurezza antiterrorismo: l’Italia e’ pronta?; Lavoro: tra crisi e innovazione; Olio, arance e… il nostro made in Italy da difendere; Depurazione acque e consumo di suolo: i danni dell’abusivismo edilizio; Energie rinnovabili, il futuro che vogliamo; Dalla brexit al referendum costituzionale un’Europa in bilico.

La giornata si aprirà, sempre alle 10, con uno spettacolo di docenti sul ‘no’ al referendum costituzionale che si terrà un una delle aree agorà mentre gli interventi dal palco cominceranno a partite dalle 14.

Per tutti i due giorni i portavoce attenderanno i cittadini nei relativi stand e, inoltre ci saranno aree dedicate a temi di interesse dei cittadini: ci sarà il gazebo anticorruzione, attraverso il quale i cittadini potranno apprendere come dare il proprio contributo per la lotta di questa piaga italica; Sos Equitalia, baluardo a difesa dei cittadini vessati dagli esattori di Stato; stand Microcredito, dove i cittadini potranno informarsi e accedere direttamente ai fondi ministeriali foraggiati dal taglio degli stipendi dei parlamentari del 5stelle; il rogetto Polmoni urbani; il ‘villaggio Rousseau’, dedicato al portale di democrazia diretta del M5S lasciato in eredità al MoVimento da Gianroberto Casaleggio.

Per i più piccoli c’è un’area bimbi con animatori e programma dedicato ai bambini, spazio dedicato ai diversamente abili, spazi ristoro con prodotti tipici. Tutte le informazioni su come raggoungere il Foro italico a Palermo, dove parcheggiare, dove alloggiare e come muoversi sono disponibili su http://www.movimento5stelle.it/italia5stelle/

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere – 1 a #Italia5Stelle

Il “Villaggio Rousseau” a #Italia5Stelle

rousmini.jpg

>>> E’ in corso la seconda votazione di Lex Iscritti: VOTA ADESSO

di MoVimento 5 Stelle

Come funziona il sistema operativo del MoVimento 5 Stelle? Quali sono le funzioni attive e come sono strutturate? Chi sono i portavoce responsabili delle varie applicazioni e quali sono i loro compiti? Per tutte queste domande e per molte altre che riguardano il cuore pulsante del MoVimento, ovvero la piattaforma Rousseau, troverete le risposte che cercate questo weekend, a Palermo, nel corso della terza edizione di Italia 5 Stelle!

All’interno del Villaggio Rousseau infatti ci saranno diversi gazebo dedicati interamente al sistema operativo del M5S, il motore dell’agire politico dei portavoce nelle istituzioni e dei cittadini attivi che partecipano alle scelte e alle iniziative del MoVimento 5 Stelle. Oltre agli spazi dedicati a chi vorrà approfondire il funzionamento della piattaforma in generale, il fulcro del villaggio sarà l’ “Area incontri”, dove i vari responsabili delle funzioni (Manlio Di Stefano, Nunzia Catalfo, Davide Bono, David Borrelli, Alfonso Bonafede, Paola Taverna, Max Bugani, Marco Piazza, Nicola Morra, Danilo Toninelli, Roberto Fico e Alessandro Di Battista) vi racconteranno nei dettagli come sono strutturate le varie applicazioni attive all’interno della piattaforma e quelle che vedranno la luce prossimamente. Si parlerà dunque di come fare a proporre una legge che potrà essere prima votata in rete e poi presentata in Parlamento da uno dei portavoce M5S (Lex Iscritti); vedremo nello specifico come fare per emendare e proporre modifiche alle leggi proposte invece dai portavoce eletti al Parlamento italiano e europeo e nei consigli regionali (Lex Parlamento e Regioni). Ampio spazio sarà dedicato alla funzione presentata pochi giorni fa dedicata all’apprendimento multimediale e ai corsi di formazione per i cittadini eletti nelle istituzioni (E-learning). E assieme a voi discuteremo delle applicazioni in via di sviluppo e raccoglieremo i suggerimenti che voi vorrete proporci (Sharing, Activism). Sarà un momento di formazione e di scambio dove ognuno potrà proporre modifiche, dare suggerimenti, condividere la propria esperienza assieme agli altri.

Rousseau era uno sogno che oggi è diventato realtà: è lo sviluppo della democrazia diretta e partecipata. Dateci una mano a migliorarlo, il 24 e 25 settembre per Italia 5 Stelle vi aspettiamo numerosi al Villaggio Rousseau!

Qui di seguito il calendario dell’area incontri:

Sabato 24 settembre

ore 14: “Lo scudo della rete” – Alfonso Bonafede
ore 15: “Lex Regioni” – Davide Bono
ore 16: “Lex Iscritti” – Danilo Toninelli
ore 17: “E-learning” – Nicola Morra

Domenica 24 settembre

ore 11.00: “Activism” – Paola Taverna
ore 11.45: “Lex Parlamento” – Nunzia Catalfo e Manlio Di Stefano
ore 12.30: “Sharing” – Max Bugani e Marco Piazza
ore 13.15: “Lex Europa” – David Borrelli

P.S.: nella mattina di sabato 24 settembre dalle ore 11:00 presso il gazebo Rousseau sarà attivo anche un spazio in cui sarà possibile:
– presentare suggerimenti/richieste per l’attivazione di nuovi corsi o di specifiche lezioni sulla piattaforma e-learning
– consegnare materiale utile per l’implementazione dell’attività di formazione per portavoce, attivisti ed iscritti
– richiedere informazioni sui percorsi formativi già attivi su “e-learning” e sul funzionamento della piattaforma

Vi aspettiamo al gazebo Rousseau!

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Il “Villaggio Rousseau” a #Italia5Stelle

#Italia5Stelle: due motivi per cui non puoi mancare

di Massimo Bugani

Ciao a tutti! Due motivi fondamentali per non mancare l’appuntamento di Palermo, Italia 5 Stelle 3, il 24 e il 25 settembre. Primo motivo: siamo in Sicilia, che è una regione meravigliosa, che merita tutto il nostro calore e tutto il nostro affetto. Secondo motivo: perchè io quest’anno, dopo due anni consecutivi, non presenterò l’evento e questa mi sembra una ragione più che valida per essere presenti. Ovviamente sto scherzando! Bisogna esserci perchè Italia 5 stelle è il momento di grande condivisione in cui si parla del MoVimento 5 Stelle e del nostro progetto di governo, insieme a voi con tutta la vostra patecipazione e con tutti gli scambi fra portavoce eletti, cittadini, simpatizzanti e attivisti.

Non mancate: 24 e 25 settembre! Ovviamente, come sapete, il Movimento 5 Stelle rinuncia ai rimborsi elettorali, è completamente autofinanziato. Quindi, per chi può, un contributo noi vi ringraziamo fin da ora, di cuore. Vi aspettiamo: 24 e 25 settembre a Palermo

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere #Italia5Stelle: due motivi per cui non puoi mancare