Per me lasciare il MoVimento sarebbe come per un jazzista darsi al liscio

di Beppe Grillo

Cari italiani: mancano meno di due mesi. È possibile smentire delle voci? Starei abbandonando il MoVimento, una pioggia di testate lo ripete in tutte le versioni possibili. Stanno articolando questa stupidaggine con una sola costante… Continua a leggere Per me lasciare il MoVimento sarebbe come per un jazzista darsi al liscio

No al soccorso rosso e no alla Lega: per noi pari sono

di MoVimento 5 Stelle

Da qualche settimana siamo perseguitati da due stalker: MDP (che sta per Mantenimento Della Poltrona) e Lega Nord. Sono le frange, anzi, le frangette del Sistema. Dopo il voto in Sicilia, che ha messo in discussione la sicurezz… Continua a leggere No al soccorso rosso e no alla Lega: per noi pari sono

Forza Italia e Lega: insieme per le poltrone ma divisi su tutto il resto

di MoVimento 5 Stelle Europa

Al Parlamento europeo su temi importanti e decisivi per il nostro Paese, come l’immigrazione e la difesa del Made in Italy, Forza Italia e Lega Nord (il partitino della Meloni invece non è presente) hanno posizioni esatt… Continua a leggere Forza Italia e Lega: insieme per le poltrone ma divisi su tutto il resto

Grazie a tutti, e forse anche a Dio

di Beppe Grillo

Ciò che conta è stare uniti, vicini vicini: la loffia perfetta ahahha! Oggi è un grande giorno. La pace più insperata è stata re-instaurata, l’amore cade come una pioggerella sottile, mondando nuovi e vecchi rancori, anzi, trionfando… Continua a leggere Grazie a tutti, e forse anche a Dio

La grande ammucchiata

di Danilo Toninelli

Grandi ammucchiate tra partiti e nessuna soglia di sbarramento all’interno delle coalizioni. Tutto questo per consentire a chiunque di allearsi con la qualunque, con un solo obiettivo: racimolare qualche voto in più. Questa non è… Continua a leggere La grande ammucchiata

Chi è senza finanziamento pubblico scagli la prima pietra: il MoVimento 5 Stelle

salvirenofjs.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Il MoVimento 5 Stelle che dal 2010 ad oggi, tra Parlamento e Regioni ha rinunciato e restituito oltre 85 milioni di euro (qualche voce: 47,5 milioni di rimborsi elettorali, 34,5 milioni in tagli stipendi, oltre 1 milione in rinunce indennità di carica, 3 milioni per fondazioni e partiti politici europei etc).

Quello che sta andando in scena tra Salvini che grida al ‘complotto’ per la confisca di 48 milioni di euro per la vicenda ‘diamanti & Tanzania’ e Renzi che accusa il Carroccio di essere “ladri” è il teatrino degli ipocriti.

Mentre il MoVimento 5 Stelle ha rinunciato a oltre 47,5 milioni di euro di rimborsi elettorali, in questi anni la Lega per l’indipendenza della Tanzania ha incassato 180 milioni, il Pd e l’Ulivo oltre 770 milioni di euro di cui oltre 45 in questa legislatura, Forza Italia e Berlusconi 784 milioni di euro e così via fino alla destra della Meloni e la sinistra delle anime belle.

In totale in 20 anni un ‘tesoretto’ di 2 miliardi di euro rubato agli italiani, alla faccia del referendum del 1993.

A questi si aggiungono finanziamenti opachi tramite le varie “Fondazioni politiche”. Renzi quanto ha incassato da Buzzi?

Perché Renzi nel 2015 ha fatto coprire con 105 milioni di euro pubblici i debiti Ds dell’Unità?

Vogliamo parlare della legge Boccadutri che stanzia soldi ai partiti senza controlli? A questi si aggiungono manager di società partecipate pubbliche, nominati dal Pd, che sono obbligati a versare il “pizzo” al partito.

Salvini è disperato. Dichiara che per Pontida non ci sono soldi. Non si preoccupi. Li può chiedere all’attuale presidente della Lega Umberto Bossi. Oppure faccia come il Movimento 5 Stelle, che ha rinunciato a decine di milioni di euro e auto-finanzia incontri e campagne elettorali con micro-donazioni dei cittadini.

Può anche capitare, come accaduto per lo “Tsunami Tour” delle elezioni del 2013, che avanzino oltre 400.000 euro e vengano donati per ricostruire una palestra terremotata a Mirandola.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Chi è senza finanziamento pubblico scagli la prima pietra: il MoVimento 5 Stelle

Il regolamento di Dublino è illegale: abbiamo ragione noi

linfpduba.jpg

di MoVimento 5 Stelle Europa

L’avvocato generale della Corte Ue demolisce il Regolamento di Dublino. Abbiamo ragione noi che da anni denunciamo i danni e l’illegalità di quell’accordo, firmato per la prima volta nel 2003 dal governo Berlusconi-Lega, che stabilisce come la domanda di asilo di un migrante debba essere esaminata solo dallo Stato in cui il migrante è entrato. Per colpa del Regolamento di Dublino tutti i Paesi in cui avvengono gli sbarchi sono lasciati soli davanti alla responsabilità di gestione delle domande di asilo. Si tratta di centinaia di migliaia di domande: nel 2016 in Italia c’è stato il record di sbarchi nella sua storia: 181.436. Per la stragrande maggioranza dei migranti ltalia e Grecia sono Paesi di passaggio. Il regolamento di Dublino va stracciato: sta trasformando Italia e Grecia nel campo profughi d’Europa.

Questo è il commento di Laura Ferrara al parere dell’Avvocato generale della Corte UE: “il parere dell’Avvocato generale della Corte UE coincide esattamente con gli emendamenti da noi presentati per riformare il Regolamento di Dublino. Da anni sosteniamo che il principio del Paese di primo ingresso va eliminato, non solo perché inadeguato a regolamentare la situazione reale dei flussi migratori, ma anche perché lesivo del principio di equa ripartizione delle responsabilità stabilito dall’articolo 80 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea. Mi auguro che il parere venga recepito dalla Corte UE, in modo che Commissione e Consiglio europeo comprendano che non è solo una questione politica, ma anche giuridica, e che l’Italia è stata vessata finora in maniera ingiusta e illegale”.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Il regolamento di Dublino è illegale: abbiamo ragione noi

Il nuovo slogan della Lega: Prima i Minzolini

noiconminzo.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Sono lontani i tempi della Lega ‘Roma Ladrona’, ormai anche il partitino guidato da Matteo Salvini si è fatto Casta e nella Roma dei Palazzi ci sguazza. Insieme a PD, Forza Italia, Ncd e tanti altri, anche la Lega ha salvato la poltrona al senatore forzista Augusto Minzolini, condannato in via definitiva per peculato. Con il loro voto i senatori leghisti hanno fatto carta straccia della Legge Severino, che per i politici condannati prevede in automatico la decadenza, e aperto una corsia preferenziale per un possibile ritorno in Parlamento di Silvio Berlusconi.

Con che faccia Matteo Salvini possa continuare a girare il Paese atteggiandosi a forza di opposizione, quando i suoi uomini in Parlamento a braccetto con il Pd salvano un condannato, non è dato sapere. E’ chiaro però cosa avesse in mente Salvini: le elezioni si avvicinano e in vista di una possibile Federazione con Berlusconi, ha voluto mandargli un chiaro messaggio di non belligeranza. Alla faccia dei tanti cittadini onesti, che ancora una volta hanno dovuto constatare che la legge non è mai uguale per tutti. Salvini ha detto che la possibile Federazione del centrodestra potrebbe chiamarsi ‘Prima gli italiani’. Fa ridere: meglio chiamarla ‘Prima Minzolini’, almeno ci risparmiano l’ipocrisia.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Il nuovo slogan della Lega: Prima i Minzolini

Animali, nel salernitano animali tenuti in una situazione raccapricciante (30-05-2016)

Roma, 30 maggio 2016 – I carabinieri di San Marzano sul Sarno (SA) coadiuvati dai colleghi di San Valentino, sono intervenuti a seguito della segnalazione del Portavoce Parlamentare del Movimento Cinque Stelle Paolo Bernini e del delegato Lega del… Continua a leggere Animali, nel salernitano animali tenuti in una situazione raccapricciante (30-05-2016)