Lettera aperta al Presidente della Repubblica Mattarella

mattarellasergiopresi.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Illustre Signor Presidente,
siamo qui a chiederLe un particolare momento di riflessione sul delicato vaglio che in base alle Sue attribuzioni è chiamato a svolgere: la promulgazione di una legge fondamentale per la democrazia come la legge elettorale.

È proprio in ragione della speciale importanza di questo passaggio che intendiamo sottoporre alla sua riflessione una serie di argomenti di ordine squisitamente tecnico che mostrano chiaramente e palesemente che le evidenti storture (sia formali, che sostanziali) attinenti alla fondamentale legge in questione non sono – come qualcuno afferma – di lieve impatto, ma possono avere un effetto dirompente sulla nostra democrazia e sulle nostre istituzioni.

Questo vale sia per i contenuti della legge che per le sue modalità di approvazione. Per quanto riguarda queste ultime, oltre agli argomenti tecnici che spiegheremo diffusamente, ci preme ricordare il giudizio della seconda carica dello Stato, che non è espressione della nostra parte politica e che del Presidente della Repubblica è il supplente: si è trattato di un atto di violenza istituzionale.

La nostra richiesta, tuttavia, si arricchisce ulteriormente di una ragione contingente e concreta: in assenza del Suo intervento, si rischia che anche il prossimo Parlamento sia eletto con una legge che la Corte costituzionale potrebbe dichiarare illegittima. Per questo motivo riteniamo del tutto inappropriata la posizione di chi sostiene che per il giudizio sulla legge si possa serenamente attendere la pronuncia della Consulta, che invece arriverà troppo tardi.

Certi della sensibilità che Lei saprà mostrare alla luce di queste particolari circostanze, per le quali la richiesta che qui rispettosamente formuliamo non apparirà come un tentativo di ingerirsi nelle Sue prerogative ma come l’unica concreta possibilità per evitare la catastrofe istituzionale di un nuovo Parlamento eletto con una legge illegittima, è proprio con lo scopo di cooperare con Lei che ci siamo sentiti in dovere di indirizzarLe questa missiva e nello stesso spirito attendiamo le Sue determinazioni.

Con rispetto,

La lettera che si allega tocca i seguenti punti:
A) Rilievi che attengono alla costituzionalità del procedimento legislativo impiegato:
1. Correzione di un errore formale dopo l’approvazione del testo in violazione del principio di esercizio collettivo della funzione legislativa da parte delle Camere (art. 70 Cost.).
2. Reiterata posizione della questione di fiducia in violazione del principio dello svolgimento della procedura legislativa “normale” in materia elettorale (art. 72, c. 4, Cost.).
3. Mancato svolgimento di un reale esame referente in violazione del principio dello svolgimento della procedura legislativa “normale” in materia elettorale (art. 72, cc. 1 e 4, Cost.).

B) Rilievi che evidenziano alcuni vizi di costituzionalità relativi al contenuto della legge approvata:
1. Mancanza dello “scorporo” in violazione del principio di uguaglianza del voto (artt. 3 e 48 Cost.).
2. Mancanza del “voto disgiunto” in violazione del principio di uguaglianza del voto (art. 3 e 48 Cost.).
3. Trasmissione del voto per il candidato uninominale alle liste che lo appoggiano in violazione dei principi del voto eguale, libero, personale e diretto (artt. 3, 48 e 56 Cost.).
4. Trasmissione del voto dalle liste tra l’1 e il 3% a favore delle liste della coalizione cui appartengono che abbia superato lo sbarramento in violazione dei principi del voto eguale, libero, personale e diretto (artt. 3, 48 e 56 Cost.).
5. Slittamento dei seggi da un collegio plurinominale all’altro (art. 56 Cost. e degli artt. 3 e 48 Cost.)
6. Trasposizione dei seggi dai livelli superiori ai collegi plurinominali e violazione della giurisprudenza costituzionale in tema di ammissibilità delle liste bloccate (sentenze 1/2014 e 35/2017), nonché del principio del voto libero e personale (art. 48 Cost.).
7. Irrazionalità dei criteri di individuazione dei candidati da proclamare in caso di esaurimento delle liste (art. 3 Cost.).
8. Pluricandidature e violazione della giurisprudenza costituzionale in materia di conoscibilità dei candidati (art. 48 Cost.).
9. Disposizioni speciali relative al Trentino-Alto Adige/Südtirol che violano il principio di uguaglianza e il principio di tutela delle minoranze linguistiche.
10. Violazioni relative alle disposizioni relative alla della delega legislativa (artt. 1 e 3 Cost.).
11. Presenza di soglie nazionali al Senato (art. 57 Cost.).

>>> SCARICA LA VERSIONE INTEGRALE DELLA LETTERA A MATTARELLA

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Lettera aperta al Presidente della Repubblica Mattarella

Appello al Capo dello Stato Sergio Mattarella

di Simone Valente (Capogruppo Movimento 5 Stelle Camera) e Giovanni Endrizzi (Capogruppo Movimento 5 Stelle Senato)

I maggiori costituzionalisti italiani sono stati sentiti al Senato in commissione Affari costituzionali in merito alla legge elettora… Continua a leggere Appello al Capo dello Stato Sergio Mattarella

Il 25 ottobre tutti a Roma per dire BASTA

di Luigi Di Maio

Mercoledì 25 ottobre dobbiamo tutti insieme scendere in piazza a Roma per dire BASTA.
Dobbiamo farlo perché questa volta l’arroganza di questi partiti e di questa classe politica ha raggiunto il limite.

La legge che abolisce i vita… Continua a leggere Il 25 ottobre tutti a Roma per dire BASTA

Tagliate i vitalizi, non la democrazia. Tutti al Senato il 25 Ottobre

di MoVimento 5 Stelle

Segnatevi questa data: mercoledì 25 ottobre tutti al Senato con una benda bianca. Siamo in piena emergenza democratica e dobbiamo reagire! Renzi, Berlusconi e Salvini ormai stanno sfidando i cittadini a viso aperto e stanno att… Continua a leggere Tagliate i vitalizi, non la democrazia. Tutti al Senato il 25 Ottobre

Legge elettorale: la stampa estera insegna giornalismo a quella italiana

di MoVimento 5 Stelle

In questi giorni sui media internazionali sono comparse decine e decine di analisi che criticano il Rosatellum Bis. Quello che leggete sotto è un editoriale de El Pais, che definendo la nuova legge elettorale una classica “rifo… Continua a leggere Legge elettorale: la stampa estera insegna giornalismo a quella italiana

#TagliateIVitalizi, non la democrazia!

di Vito Crimi

Per ben due volte nei mesi scorsi abbiamo lanciato l’allarme: vogliono affossare in Senato la legge che abolisce i vitalizi dei parlamentari. Oggi preparatevi perchè potrebbe arrivare la prova del nove e i partiti potrebbero tentare il… Continua a leggere #TagliateIVitalizi, non la democrazia!

#RosatellumIncostituzionale: se voti uno ne eleggi un altro

da Il Fatto Quotidiano

È “l’imbroglio degli imbrogli”, un “autentico specchietto per le allodole”, “l’apoteosi dei nominati” anzi “siamo proprio al truffellum”, tanto per adeguarsi all’uso della desinenza del genere neutro latino che mai come nel ca… Continua a leggere #RosatellumIncostituzionale: se voti uno ne eleggi un altro

Fare la legge elettorale contro il MoVimento è immorale, parola di Mieli

di Paolo Mieli, durante l’intervento a Piazza Pulita

Fare una legge in parlamento in questo momento, in questo momento storico, che va contro il MoVimento 5 Stelle è una cosa pazzesca, criminale, una sciocchezza. Me la potrei cavare così, ma io dic… Continua a leggere Fare la legge elettorale contro il MoVimento è immorale, parola di Mieli

#LaBallaDelGiorno: la piazza vuota davanti al Parlamento

di MoVimento 5 Stelle

Oggi la balla del giorno è che in questi due giorni di emergenza democratica per l’approvazione della legge elettorale le piazza del MoVimento 5 Stelle erano vuote. Ah sì?
Ecco i fatti: martedì il MoVimento 5 Stelle ha lanciato… Continua a leggere #LaBallaDelGiorno: la piazza vuota davanti al Parlamento

Grazie a tutti, e forse anche a Dio

di Beppe Grillo

Ciò che conta è stare uniti, vicini vicini: la loffia perfetta ahahha! Oggi è un grande giorno. La pace più insperata è stata re-instaurata, l’amore cade come una pioggerella sottile, mondando nuovi e vecchi rancori, anzi, trionfando… Continua a leggere Grazie a tutti, e forse anche a Dio