VOTA il Programma Fisco del MoVimento 5 Stelle

fisco_730bab.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Oggi, martedì 18 luglio, si vota per il Programma Fisco del MoVimento 5 Stelle. Le votazioni saranno aperte su Rousseau dalle 10.00 alle 19.00.

La settimana scorsa abbiamo approfondito, grazie all’aiuto di esperti, i punti fondamentali su cui si baserà la nostra attività di governo per il Fisco.
Ora è il momento di decidere quali saranno le priorità di questo programma.
Su Rousseau troverai 6 quesiti. Sei chiamato a decidere su:

Tassazione equa e sostenibile: quale ritieni sia l’obiettivo prioritario?

Agenzia in Rete: qual è la priorità per ridurre la burocrazia fiscale per cittadini e imprese?

Agenzia partecipata: l’efficienza e l’efficacia dell’azione amministrativa e delle politiche di indirizzo del Governo si misurano soprattutto in funzione del rapporto di fiducia reciproca tra istituzioni e collettività. Quale obiettivo ritieni sia prioritario a tale scopo?

Riscossione giusta: l’attività di riscossione per essere considerata giusta deve necessariamente contemperare l’interesse del cittadino al pagamento di quanto dovuto con il minor aggravio possibile. Quale obiettivo ritieni sia prioritario a tal scopo?

Tutela autonoma (prima) e processo efficiente (dopo): il miglioramento delle condizioni della giustizia tributaria necessita di una tutela autonoma e di un processo efficiente. Quale ritieni sia la via migliore per ottenerli?

Fisco A++: il sistema fiscale può costituire un valido strumento per incentivare o disincentivare determinati comportamenti non sostenibili per l’ambiente. Quale strumento ritieni prioritario tra i seguenti?

Accedi a Rousseau e vota subito!

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere VOTA il Programma Fisco del MoVimento 5 Stelle

#OpenDayRousseau: arriva la seconda tappa nazionale a Pescara!

di Enrica Sabatini

La trasformazione a cui stiamo assistendo è epocale. I digital media hanno invaso ogni aspetto della vita collettiva: dal modo in cui interagiamo, ascoltiamo musica, leggiamo un quotidiano o guardiamo la tv. Ed in questo contesto le comunità estese, i media accessibili da ogni luogo e la sempre crescente libertà di espressione, stanno disegnando anche un nuovo spazio pubblico.

Il più grande spazio pubblico che l’umanità abbia mai conosciuto.
Un luogo in grado di accogliere forme politiche prima di oggi inimmaginabili ed in cui Rousseau sta rivestendo il ruolo di protagonista assoluto.

Parleremo di tutto questo e di molto altro stasera (8 luglio 2017) dalle 19:30 presso il Circolo Aternino di Pescara.

Interverranno:

Laura Castelli (Portavoce M5S Camera dei Deputati) – Il Bilancio partecipativo
Andrea Colletti (Portavoce M5S Camera dei Deputati) – Rapporto tra democrazia diretta e democrazia rappresentativa
Erika Alessandrini (Portavoce M5S Pescara) – Urbanistica Partecipata: come trasformare le diversità in risorse
Alice Salvatore (Portavoce M5S Liguria) – Strumenti di Democrazia diretta del Sistema operativo Rousseau
Enrica Sabatini (Coordinatrice #OpenDayRousseau e Portavoce M5S Pescara) – Intelligenza Collettiva e cittadinanza attiva: uno sguardo di insieme sul progetto Rousseau

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere #OpenDayRousseau: arriva la seconda tappa nazionale a Pescara!

Parte #OpenDayRousseau

sabatinienbuig.jpg

di Max Bugani, Enrica Sabatini e Alice Salvatore

Parte #OpenDayRousseau! Spazi di confronto e condivisione per conoscere il valore degli strumenti messi a disposizione dal nostro sistema operativo Rousseau e per scoprire la ricchezza delle esperienze di partecipazione maturate negli anni dalle comunità locali del Movimento 5 stelle.

Dal lancio dei Meetup nel 2005 fino alla nuova applicazione Call to Action, dalla raccolta firme nel 2007 per la presentazione della legge di iniziativa popolare “Parlamento Pulito” fino alle nuove funzioni di Lex Iscritti, Lex Parlamento, Europa e Regione. Dai piccoli gruppi fino alla nascita di una comunità diffusa che apprende attraverso la piattaforma E-learning, condivide atti e proposte con l’applicazione Sharing ed esercita la libertà coma autonomia per difendere la propria sovranità.

Un viaggio all’interno del mondo Rousseau attraverso straordinari percorsi di democrazia diretta, intelligenza collettiva e cittadinanza attiva.
Vi aspettiamo!

I primi appuntamenti di #OpenDayRousseau:

– Genova – venerdì 30 giugno alle ore 18:30 insieme a Massimo Bugani, Alice Salvatore ed Enrica Sabatini.
– Pescara – sabato 8 luglio alle ore 19:00 insieme a Enrica Sabatini, Laura Castelli, Andrea Colletti, Erika Alessandrini ed Alice Salvatore.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Parte #OpenDayRousseau

Ecco le 100 nuove proposte di legge degli iscritti 5 Stelle su #Rousseau

toninellexisc.jpg

di Danilo Toninelli

Sono online le nuove proposte di legge degli iscritti del MoVimento 5 Stelle. Le trovi su Rousseau. Si tratta di 100 nuove proposte di legge degli iscritti del MoVimento 5 Stelle. Accedi alla lista e scegli quelle che ritieni più convincenti per le votazioni che si terranno la settimana prossima.

Se vuoi sapere come si propone una legge su Lex Iscritti e come viene valutata qui trovi tutte le informazioni necessarie.
Grazie a tutti coloro che stanno contribuendo allo sviluppo di Rousseau, il cuore pulsante del MoVimento 5 Stelle: continuate a sostenerci!

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Ecco le 100 nuove proposte di legge degli iscritti 5 Stelle su #Rousseau

Su Rousseau è disponibile Call To Action, per partecipare in Rete

di Associazione Rousseau

Da oggi è disponibile una nuova funzione sulla piattaforma Rousseau: Call to Action (Meetup in Azione).

Call to Action vuole realizzare un’idea semplice, ma ambiziosa: dare la possibilità a tutti i cittadini di partecipare, socializzare e collaborare su progetti condivisi costruendo, grazie al potere della Rete, un ponte che faccia incontrare chi vuole mettersi al servizio della comunità con chi vuole fare appello alle risorse della comunità stessa.

Partendo dai meetup nel 2005, luoghi dove è cominciata questa grande sperimentazione, siamo arrivati a sviluppare un’applicazione nostra grazie alla quale ogni iscritto a Rousseau può proporre “una chiamata all’azione”, una “Call to Action” indirizzata al proprio territorio. Ogni evento o progetto, creato dagli iscritti attraverso la scheda “crea iniziativa”, risulterà attivo con l’adesione di un numero minimo di persone e consentirà la partecipazione di tutti coloro che vogliano contribuire mettendo a disposizione le proprie conoscenze, competenze o risorse.

Call To Action si pone, infatti, un obiettivo fuori dall’ordinario: immaginare, grazie alla collaborazione digitale dalla Rete, nuovi modelli di condivisione che vadano ad eliminare l’intermediazione, a promuovere la filiera corta ed a creare forme di cooperazione su temi concreti basati sulla fiducia.

Le categorie di iniziative previste sono molteplici:

– la “MobilitAzione” che raccoglie quelle azioni finalizzate a prendersi cura del proprio territorio, come decidere di incontrarsi per pulire un parco o una spiaggia;
– la “CollaborAzione” per promuovere iniziative di aiuto per chi è in difficoltà;
– l’“InformAzione” della cittadinanza, per lanciare ad esempio iniziative di volantinaggio o di sensibilizzazione su temi specifici;
– la “FormAzione” per condividere competenze o conoscenze, per esempio professionisti o esperti che vogliano spiegare come si legge un bilancio comunale o un piano urbanistico;
– l’“ArgomentAzione” per organizzare giornate di incontri su questioni legate al territorio, come mobilità cittadina o qualità dell’aria;
– e poi ancora, la “SegnalAzione” per evidenziare problemi sul territorio, l’“InterAzione” per scambiare o barattare libri, giocattoli o materiali riciclabili e la “SocializzAzione” per mettere a insieme risorse o servizi.

Le iniziative presentate dagli iscritti devono essere in linea con quanto descritto in precedenza e devono rispettare quanto stabilito dal Non Statuto e dal Regolamento del MoVimento 5 Stelle. Non autorizzano, in alcun modo, all’utilizzo del simbolo e/o a rappresentare il MoVimento 5 Stelle.

Accedi a Rousseau e proponi la tua Call to Action!

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Su Rousseau è disponibile Call To Action, per partecipare in Rete

Vota per il #ProgrammaSalute del MoVimento 5 Stelle

salfdibd.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Oggi, mercoledì 14 giugno, si vota su Rousseau per il Programma Salute del MoVimento 5 Stelle. Le votazioni saranno aperte dalle 10 alle 19. Grazie all’aiuto di esperti abbiamo approfondito, la settimana scorsa, i punti fondamentali su cui si baserà la nostra attività di governo.

Ora è il momento di decidere quali saranno le priorità di questo programma. Su Rousseau troverai 6 quesiti. Sei chiamato a decidere su:

Salute e ambiente. Dovrai scegliere come rendere coerenti le politiche di salute con tutte le politiche ambientali attraverso due proposte: condivisione dei dati tra le agenzie e un percorso di integrazione tra Ministero della Salute e dell’Ambiente.

Attività libero professionale. È indispensabile rendere più efficienti le liste di attesa e riordinare l’attività libero professionale dei medici all’interno del Servizio Sanitario Nazionale. Per questo dovrai scegliere tra le due priorità proposte.

Politiche del farmaco. Dovrai decidere come ridurre il costo dei farmaci e come assicurare l’accesso ai farmaci necessari alle cure. Per questo dovrai scegliere tra le sei priorità proposte.

Formazione lavoro medici specialisti. Dovrai scegliere la priorità tra le tre misure proposte con l’obiettivo di contenere il problema della carenza dei medici, evitando così il rischio di restare privi dell’assistenza di base e specialistica.

Azzardo. Dovrai scegliere, tra le diverse priorità proposte, quale strategia intraprendere per incidere sulla domanda e sull’offerta di azzardo.

Alimentazione. È necessario intervenire con politiche per favorire il consumo e la produzione di cibi salutari. A tal fine sei chiamato a scegliere le priorità da adottare tra le sei proposte previste.

Accedi a Rousseau e vota subito!

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Vota per il #ProgrammaSalute del MoVimento 5 Stelle

LEX Iscritti: Stop alla pensione per i colpevoli di reati gravi

di Enrico Cappelletti, MoVimento 5 Stelle Senato

Oggi vi presentiamo un nuovo disegno di legge che è risultato essere uno dei più votati all’interno della Piattaforma Rousseau, su Lex Iscritti. Si tratta quindi di un disegno di legge che ha origine da un cittadino, che ha fatto una proposta, che poi è stata votata da molti altri cittadini affinché possa essere discussa in Parlamento.

L’argomento di questo disegno di legge è l’introduzione di una pena accessoria per coloro che vengono giudicati colpevoli di reati gravi, come il 416-bis (l’associazione a delinquere di stampo mafioso). Questa pena accessoria consiste nell’interdizione di quei servizi assistenziali che vengono riconosciuti a tutti i cittadini. Ma a proposito di questo disegno di legge sentite come lo descrive il cittadino che lo ha ideato, Domenico Cacciato: “La proposta nello specifico è abbastanza semplice: si propone il blocco immediato della pensione per chi si macchia di reati gravi, come terrorismo, mafia, traffico di stupefacenti o di esseri umani. Non credo sia giusto che persone che si macchiano di reati simili debbano ricevere una pensione sul nostro territorio nazionale. C’è stato un emendamento al decreto legge sul lavoro nel 2012, approvato in commissione al Senato che prevede una cosa simile, però in quel caso quelle persone dopo avere scontato la pena, possono richiedere di percepire nuovamente la pensione. Io credo che sia una cosa sbagliatissima, queste persone non devono più potere percepire la pensione, in maniera definitiva! Ringrazio tutti e il Movimento 5 Stelle che mi ha dato la possibilità di fare questa proposta!

Grazie a Domenico e a tutti i cittadini che hanno votato questa proposta di legge. Inizia adesso quindi la fase due, cioè quella in cui assieme andremo a scrivere la proposta nella maniera più opportuna e vi terremo aggiornati al momento del deposito della norma in Parlamento.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere LEX Iscritti: Stop alla pensione per i colpevoli di reati gravi

Legge elettorale e voto anticipato: le condizioni del MoVimento 5 Stelle

movistelsh.jpg

di Beppe Grillo

Si sono concluse le votazioni online su Rousseau per la proposta di legge elettorale del MoVimento 5 Stelle. Hanno partecipato alla votazione 29.005 iscritti certificati, 27.473 hanno votato sì e 1.532 hanno votato no.

La legge elettorale che il MoVimento 5 Stelle voterà in Parlamento sarà il proporzionale tedesco con soglia di sbarramento al 5% ed eventuali correttivi, costituzionalmente legittimi, per garantire una maggiore governabilità, così come sancito dai nostri iscritti. È una legge elettorale costituzionale, la prima ad esserlo dopo la vergogna del Porcellum e dopo il pastrocchio dell’Italicum che è stato stroncato dalla Consulta. Non siamo disposti a scendere a compromessi né a votare altre corbellerie incostituzionali come il Verdinellum e il Rosatellum. La discussione sulla legge elettorale da noi proposta deve avvenire in maniera trasparente nella sede apposita: il Parlamento. Gli incontri segreti a porte chiuse al Nazareno, che hanno prodotto una riforma costituzionale bocciata dal 60% degli italiani e l’incostituzionale Italicum, sono uno sfregio alle regole democratiche e un indegno mercato delle vacche. Sappiamo tutti che Renzi e Berlusconi si stanno organizzando per un’alleanza pre e post elettorale, ma la legge elettorale non deve diventare ancora una volta merce di scambio. Gli italiani devono avere una legge elettorale costituzionale e chiara che consenta loro di scegliere se governare il Paese con il MoVimento 5 Stelle o farsi governare dall’alleanza Pd – Forza Italia, come è da 20 anni a questa parte.

Una volta che avremo una legge elettorale si potrà votare subito. Il MoVimento 5 Stelle era pronto a votare il giorno dopo il referendum costituzionale, visto che Renzi e tutto il suo governo avevano messo sul piatto la loro carriera politica e gli italiani hanno accettato l’invito. Si sono rimangiati la parola per un cinico calcolo e oggi ci ritroviamo Renzi segretario Pd e la Boschi sottosegretario del Governo. Hanno allungato il brodo fino a oggi: non hanno fatto nulla per il Paese, ma cercano disperatamente di arrivare al giorno della loro pensione da privilegiati che scatta il 15 settembre. Il MoVimento 5 Stelle vuole che si vada al voto prima di questa fatidica data: è una delicatezza istituzionale che questa classe politica sciagurata deve al popolo che ha massacrato per decenni. Non sono riusciti a fare nulla per la disoccupazione e la povertà, ma vogliono arrogarsi il privilegio della pensione dopo quattro anni e mezzo di lavoro. È inaccettabile. Vogliamo evitare questo schifo e vogliamo anche mettere fine allo scandalo dei vitalizi: tra due giorni la legge sarà in aula alla Camera, c’è tutto il tempo per approvarla al Senato e andare al voto. I parlamentari nel 2011 hanno approvato la legge Fornero, chiamandola “Salva-Italia” perché sapevano che in ogni caso loro non ne sarebbero stati toccati. Adesso abbiamo finalmente la possibilità di mettere fine a questa vergogna, con il nostro appoggio è possibile farlo e se non succederà la responsabilità sarà unicamente del Pd.

Venerdì 8 settembre 2017 ricorre il decimo anniversario del primo V-Day. Le elezioni domenica 10 settembre con la cancellazione dei privilegi sarebbero un modo magnifico per festeggiarlo. Noi ci siamo.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Legge elettorale e voto anticipato: le condizioni del MoVimento 5 Stelle

Una legge elettorale costituzionale per l’Italia

movistelsh.jpg

>>> Domani e domenica dalle 11 alle 19 si voterà online su Rousseau la proposta di legge elettorale del MoVimento 5 Stelle

di MoVimento 5 Stelle

Sulla legge elettorale il tempo è già abbondantemente scaduto e serve chiarezza.
Il 4 dicembre il 60% dei cittadini che sono andati a votare hanno detto un chiaro “No” al Governo di Matteo Renzi: si sarebbe dovuti andare subito a votare e invece ci hanno rifilato un Governo fotocopia, uguale a quello di Renzi.

Il MoVimento 5 Stelle aveva anche proposto una soluzione semplice ed efficace per risolvere il disastro costituzionale lasciato in eredità dal duo Renzi-Boschi: due leggi elettorali diverse per Camera e Senato, una delle quali per giunta incostituzionale. La soluzione era quella di applicare la legge vigente per la Camera al Senato, dopo la sentenza della Corte costituzionale che l’avrebbe resa legittima: un sistema che proprio per questo abbiamo chiamato “Legalicum”. Una legge che non è quella che il MoVimento 5 Stelle ha proposto nel 2014 ma che è stata proposta per dimostrare la nostra apertura, per senso di responsabilità e per togliere al PD l’alibi per rimandare le elezioni. Per cinque mesi la nostra proposta è stata ignorata perché il PD era troppo impegnato nel suo congresso per occuparsi della paralisi che aveva creato e ridare finalmente la parola al popolo. La nostra soluzione non solo era la più semplice e più giusta dal punto di vista della Costituzione, era anche quella più condivisa, quella su cui tutte le altre forze politiche convergevano, al punto che il Legalicum è stato anche il testo base proposto dal presidente della Commissione affari costituzionali (che non è certo del MoVimento 5 Stelle) come base per la discussione in grado di trovare ampia condivisione.

Ma il Pd, dimenticando la lezione del 4 dicembre, ha deciso di azzerare tutto e di imporre ancora una volta una legge elettorale ritagliata sulle sue esigenze.

Inizialmente hanno dichiarato di essere disponibili a una proposta simile al sistema in vigore in Germania, che, in effetti, da settant’anni, garantisce rappresentatività e governabilità. Si tratta di un sistema proporzionale, con una soglia di sbarramento nazionale al 5%, così in Parlamento sono ammessi pochi partiti ma rappresentativi. Dopo le elezioni, la soglia alta rende sconveniente le spaccature dei partiti e così i partiti e i governi tedeschi sono stabili, duraturi e supportati dal consenso popolare. Si tratta di una filosofia molto simile a quella del Democratellum, la proposta elettorale del MoVimento, che, non troppo diversamente, assicurava rappresentatività e governabilità, con un sistema proporzionale che favoriva le forze con più consensi a discapito di quelle meno votate dagli elettori.

Alla prova dei fatti, però, il Pd spacciava per tedesco un imbroglio vero e proprio. Quando infatti è stato depositato il testo, il Pd ha presentato il Verdinellum, una legge elettorale che è stata ispirata dal gruppo parlamentare mai eletto da nessuno di Denis Verdini e che riunisce i peggiori difetti della Prima e della Seconda Repubblica, che è stata appositamente studiata per danneggiare il MoVimento 5 Stelle e che, come le loro precedenti proposte, è di nuovo incostituzionale. È una proposta, poi, che non garantisce la rappresentatività, tanto che un partito con meno voti può persino ottenere più seggi di chi ha più voti! È’ una proposta che nemmeno garantisce la governabilità: consente coalizioni pasticciate diverse collegio per collegio, destinate a sfarinarsi in Parlamento, e consente ai partitini di contrattare posti nei collegi uninominali e così ricattare le maggioranze in Parlamento.

Consapevoli della necessità di una nuova legge elettorale per il Paese e della necessità di sciogliere rapidamente queste Camere elette con una legge incostituzionale e che ha prodotto maggioranze che troppi danni hanno già fatto al Paese, pensiamo di dover continuare a offrire la nostra disponibilità al confronto, sempre che ci si muova all’interno di proposte in armonia con la Costituzione e che non rischino di essere bocciate ancora una volta.
Con questo preciso intento risponderemo alla richiesta di incontro in Parlamento del Partito democratico per il prossimo lunedì 29 maggio.

Per le ragioni enunciate in quella sede vorremmo andare a proporre la nostra disponibilità al sistema tedesco, quello vero, però! Per avere un sistema pienamente tedesco, occorre assegnare a ogni partito sopra lo sbarramento il numero di seggi esattamente corrispondenti alla percentuale di voti ricevuti. Ciò significa che laddove dovesse capitare che il numero di seggi vinti da un partito nei collegi uninominali eccedesse il numero dei seggi ottenuti nel riparto proporzionale, quest’ultimo deve prevalere, al fine di garantire la piena proporzionalità del sistema come accade in Germania. In sostanza, dunque: voto subito, niente coalizioni elettorali, proporzionale rigoroso sulla totalità dei seggi della Camera e soglia di sbarramento al 5%, provando a chiedere al tempo stesso che si rafforzino le prospettive di governabilità nel rispetto della Costituzione (cioè con l’aggiunta di un premio di maggioranza per chi raggiunge la soglia del 40% o altri metodi di calcolo più selettivi che incrementino il numero dei seggi della prima forza politica).

Su questo delicato e importante passaggio chiediamo a tutti i nostri iscritti di esprimersi: siete favorevoli all’approvazione di un sistema elettorale di impianto tedesco che sia rispettoso della Costituzione, eventualmente con l’introduzione di correttivi di governabilità costituzionalmente legittimi? La consultazione online sarà aperta domani e domenica dalle 11 alle 19 su Rousseau https://rousseau.movimento5stelle.it/main.php

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Una legge elettorale costituzionale per l’Italia

Ecco le 89 nuove proposte di legge degli iscritti 5 Stelle su #Rousseau

toninellexisc.jpg

di Danilo Toninelli

Sono online le nuove proposte di legge degli iscritti del MoVimento 5 Stelle. Le trovi su Rousseau. Si tratta di 89 nuove proposte di legge degli iscritti del MoVimento 5 Stelle. Accedi alla lista e scegli quelle che ritieni più convincenti per le votazioni che si terranno la settimana prossima.

Se vuoi sapere come si propone una legge su Lex Iscritti e come viene valutata qui trovi tutte le informazioni necessarie.
Grazie a tutti coloro che stanno contribuendo allo sviluppo di Rousseau, il cuore pulsante del MoVimento 5 Stelle: continuate a sostenerci!

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Ecco le 89 nuove proposte di legge degli iscritti 5 Stelle su #Rousseau