Votazione del candidato del MoVimento 5 Stelle per la presidenza della Regione Lombardia

di MoVimento 5 Stelle

Oggi, giovedì 23 novembre, si vota per scegliere il candidato Presidente per la Regione Lombardia.

I candidati che hanno proposto la candidatura a Presidente sono (in ordine alfabetico):

Alberti Ferdinando
Casalino Eugenio… Continua a leggere Votazione del candidato del MoVimento 5 Stelle per la presidenza della Regione Lombardia

Il 12 ottobre le votazioni per scegliere il candidato presidente in Lazio

di MoVimento 5 Stelle

Domani, giovedì 12 ottobre, gli iscritti al MoVimento 5 Stelle abilitati ad accedere a Rousseau e residenti in Lazio, saranno chiamati a scegliere il candidato Presidente che rappresenterà il MoVimento 5 Stelle per la Regione L… Continua a leggere Il 12 ottobre le votazioni per scegliere il candidato presidente in Lazio

Vota per scegliere i candidati del MoVimento 5 Stelle alle elezioni regionali del Lazio

di MoVimento 5 Stelle

Oggi, martedì 10 ottobre, si vota per scegliere i candidati che formeranno la lista e rappresenteranno il MoVimento 5 Stelle alle elezioni regionali del Lazio nel 2018.

Accedi subito a Rousseau per vedere i candidati della tua… Continua a leggere Vota per scegliere i candidati del MoVimento 5 Stelle alle elezioni regionali del Lazio

Regionarie per il Lazio

lazi5sma.jpg

di MoVimento 5 Stelle

In vista delle prossime elezioni regionali in Lazio, i candidati saranno determinati da una votazione online su Rousseau. Ai fini dell’esperimento della selezione dei candidati e della relativa votazione, si dettagliano di seguito i criteri di candidabilità e di votazione.

1) Soggetti candidabili: possono avanzare la loro candidatura coloro che:

a) siano iscritti al sito www.movimento5stelle.it e abilitati ad accedere a Rousseau

b) accettino il Non Statuto del MoVimento 5 Stelle e ne condividano totalmente il suo contenuto;

c) non siano iscritti ad alcun partito;

d) non abbiano riportato sentenze di condanna in sede penale, anche non definitive (ai candidati a conoscenza di indagini o procedimenti penali verrà richiesto un certificato rilasciato ai sensi dell’art. 335 del c.p.p., nonché i documenti relativi ai fatti contestati ed una breve relazione illustrativa dei fatti con autorizzazione espressa alla pubblicazione di tali atti nell’ambito dello spazio riservato a ciascun candidato).

e) non abbiano assolto in precedenza più di un mandato elettorale, a livello centrale o locale, a prescindere dalla circoscrizione nella quale presentano la propria candidatura;

f) non siano iscritti ad associazioni massoniche;

g) non abbiano mai partecipato a elezioni di qualsiasi livello con forze politiche diverse dal MoVimento 5 Stelle;

h)
non abbiano mai svolto ruoli in giunte o governi guidate da forze politiche diverse dal MoVimento 5 Stelle.

i) non abbiano tenuto condotte in contrasto con i principi, valori, programmi, nonché con l’immagine del MoVimento 5 Stelle, del suo simbolo e del suo Garante o sia attualmente parte ricorrente e/o parte attrice in giudizi promossi avverso il MoVimento 5 Stelle e/o il suo Garante;

j) per la lista provinciale devono risiedere nella circoscrizione per la quale intendono avanzare la candidatura, mentre per la lista regionale devono risiedere nella Regione Lazio;

k) per il solo Candidato Presidente, è richiesto un requisito aggiuntivo consistente nell’aver già svolto un mandato elettivo. Tale requisito non sarà richiesto nel caso in sui si dovesse procedere ad una seconda votazione, ossia nell’ipotesi in cui a seguito della prima votazione non ci sia stato nessuna candidato Presidente di Regione.

Coloro che ricoprono una carica elettiva con scadenza (prevista o effettiva) nella primavera 2018, possono avanzare la loro candidatura.

Coloro che hanno ricoperto incarichi/ruoli di presidente, vicepresidente, tesoriere o segretario, dovranno inviare i bilanci e gli statuti dei relativi organismi e/o enti di qualsiasi natura giuridica, pubblici o privati, commerciali o no profit nei quali hanno ricoperto i suddetti ruoli, e i relativi compensi ricevuti a qualsiasi titolo.

N.B. Coloro i quali presenteranno candidatura come Presidente della Regione Lazio e non venissero scelti in sede di votazione online avranno l’obbligo di candidarsi come consigliere regionale della medesima Regione.

2) Modalità di proposizione della candidatura

Ciascuno dei soggetti di cui al punto 1) che precede, che ritenga di avere i requisiti necessari per avanzare la propria candidatura, dovrà provvedere entro il termine perentorio delle ore 24.00 del giorno domenica 1 ottobre 2017 ad accettare la candidatura accedendo alla propria pagina profilo all’interno del sito del MoVimento 5 Stelle.

La lista di coloro che accetteranno la candidatura, che avranno completato tempestivamente la procedura per la formalizzazione della stessa sul sito www.movimento5stelle.it e che risulteranno effettivamente in regola con i requisiti di cui al punto 1) che precede, verrà successivamente sottoposta alla votazione in Rete.

I 10 candidati più votati, se in possesso dei requisiti, possono candidarsi alla carica di Presidente di Regione; garantendo la presenza di almeno un candidato per ogni provincia (quindi i singoli candidati che hanno ricevuto più voti per ognuna delle cinque province, assieme alle altre cinque persone che in assoluto avranno ricevuto più voti, diverse dai primi cinque).

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Regionarie per il Lazio

Vota per scegliere il candidato Presidente per la Regione Sicilia

nomipres.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Oggi, domenica 9 luglio, si vota per scegliere il candidato Presidente per la Regione Sicilia.

I candidati che hanno proposto la candidatura a Presidente sono:

Cancelleri Giovanni Carlo
Cappello Francesco
Foti Angela
Listì Maman Alì
Marano Jose
Scarcella Giuseppe
Tancredi Sergio
Trizzino Giampiero
Zito Stefano

Accedi subito a Rousseau rousseau.movimento5stelle.it e guarda il profilo dei candidati con il CV, la dichiarazione di intenti e il video di presentazione.

La votazione è attiva su Rousseau dalle 10.00 alle 19.00.

Vota subito!

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Vota per scegliere il candidato Presidente per la Regione Sicilia

Votazione online: il #ProgrammaEsteri del MoVimento 5 Stelle

progeste_vota.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Oggi dalle 10 alle 19 si vota per il Programma Esteri del MoVimento 5 Stelle.
Nelle ultime due settimane abbiamo approfondito, grazie all’aiuto di esperti di politica estera, tutti i punti su cui si baserà la nostra attività di governo per gli affari esteri.
Ora è il momento di decidere quali saranno le priorità di questo programma e di conseguenza i punti sui quali si concentreranno i nostri sforzi. Per votare accedi subito su Rousseau.

Potrai indicare tre priorità tra le seguenti:

Sovranità e indipendenza: La politica estera del Movimento 5 Stelle si basa sul rispetto dell’autodeterminazione dei popoli, la sovranità, l’integrità territoriale e sul principio di non ingerenza negli affari interni dei singoli Paesi. Sul rispetto del multilateralismo, della cooperazione e del dialogo tra le popolazioni e sulla rigorosa applicazione dei principi sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite. In particolare, si ripudia ogni forma di colonialismo, neocolonialismo e/o ingerenza straniera.

Ripudio della guerra: Il Movimento 5 Stelle riconosce il diritto alla pace, inteso come diritto irrinunciabile e inalienabile di tutti i popoli della Terra. Il Movimento 5 Stelle, per questo, si opporrà ad ogni intervento armato ovunque si vogliano ripercorrere gli errori (crimini) del passato fatta eccezione per le truppe di mera interposizione pacifica.

Disarmo come premessa alla pace: Il Movimento 5 Stelle sosterrà un percorso di disarmo per affermare nel Mediterraneo una zona di pace libera da armi nucleari. Faremo riferimento all’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile per l’affermazione di società pacifiche e la riduzione del finanziamento illecito e del traffico di armi. Il Movimento Cinque Stelle si impegnerà, inoltre, con tutti i popoli del Mediterraneo che hanno a cuore le stesse esigenze, a sviluppare nuove forme di relazioni internazionali che garantiscano pace e stabilità nonché nuovi modelli di produzione compatibili con la preservazione della Madre Terra e dell’eguaglianza sociale.

Riformare la NATO: Adeguamento dell’Alleanza Atlantica (NATO) al nuovo contesto multilaterale, sostenendo un inquadramento delle sue attività in un’ottica esclusivamente difensiva. Sottoporremo al Parlamento un’agenda per il disimpegno dell’Italia da tutte le missioni militari della NATO in aperto contrasto con la lettera e lo spirito dell’art. 11 della nostra Costituzione. Consideriamo, inoltre, il nostro territorio indisponibile per il deposito e il transito di armi nucleari, batteriologiche e chimiche nonché per installazioni e addestramenti che ledano la salute degli italiani.

Un’Europa senza austerità: Il Movimento 5 Stelle si farà promotore di un’alleanza con i Paesi dell’Europa del sud per superare definitivamente le politiche di austerità e rigore, facendo fronte comune per ottenere una profonda riforma dell’eurozona e dell’Unione Europea.

Nuovi scenari di alleanze per l’Italia: Nuovi scenari di alleanze per l’Italia. Il Movimento 5 Stelle riconosce nel multilateralismo il nuovo paradigma guida delle relazioni internazionali e si impegna da un lato a sostenere una riforma degli organi decisionali delle Nazioni Unite imperniata su tale principio, dall’altro ad allargare i rapporti economici e diplomatici a nuove alleanze strategiche come quelle dei BRICS, delle organizzazioni regionali presenti in America Latina o ad altre che nasceranno in futuro, al fine di promuovere una crescita politica, economica e sociale dell’Italia

Russia: un partner economico e strategico contro il terrorismo: Le sanzioni, e le conseguenti contromisure volute da Mosca, hanno pesato sull’export italiano per 3.7 miliardi di euro nell’ultimo anno complicando, inoltre, ogni possibile forma di collaborazione anche in tema di lotta al terrorismo. Il Movimento 5 Stelle lavorerà per il ritiro immediato delle sanzioni imposte alla Russia e per il rilancio della cooperazione con quello che considera un partner strategico fondamentale.

Risoluzione dei conflitti in Medio Oriente: Il Movimento 5 Stelle promuove la cessazione immediata dell’interventismo militare camuffato da “umanitario” che è la principale causa del disastro attuale. Nel rispetto della non ingerenza degli affari interni dei singoli Paesi e della cooperazione tra i popoli, lavorerà prioritariamente al riconoscimento dello Stato di Palestina nei confini stabiliti dalle Nazioni Unite nel 1967, alla cessazione di quegli embarghi economici che colpiscono quasi esclusivamente le popolazioni civili (come nel caso della Siria) e all’embargo totale di armi a tutti quei Paesi sospettati di finanziare direttamente o indirettamente i terroristi internazionali.

Smantellamento della Troika:Il M5S si opporrà in ogni modo a tutti quei ricatti dei mercati e della finanza internazionale travestiti da “riforme”. In particolare, si impegnerà allo smantellamento del MES (Fondo “Salva Stati”) e della cosiddetta “Troika”, organismi sovranazionali che hanno appaltato la democrazia delle popolazioni imponendo, senza nessun mandato popolare, le famigerate “rigorose condizionalità”. Combatteremo in ogni sede possibile le pratiche oggi utilizzate dalle multinazionali per eludere il fisco mediante “triangolazioni internazionali”. Lavoreremo, infine, per la riforma dell’architettura finanziaria internazionale e, a tal fine, aumenteremo la cooperazione con tutti quegli organismi, come il G7 più Cina, che si impegnano in questa direzione.

Contrasto ai trattati internazionali come TTIP e CETA: Il Movimento 5 Stelle contrasterà tutti quei trattati che l’Unione Europea sta negoziando nel mondo (come il TTIP e il CETA) che mettono a rischio i diritti dei lavoratori, i diritti sociali, la preservazione dell’ambiente, della biodiversità e delle risorse territoriali. Riteniamo, infatti, questi ultimi, sovraordinati rispetto alle relazioni commerciali e finanziarie. L’accesso alle risorse essenziali e la difesa dei beni comuni vengono considerati parte integrante della tutela dei diritti umani.

Per votare accedi subito su Rousseau.. Buon voto!

Ps: Oggi si vota anche per il candidato sindaco di Lucca. Possono partecipare gli iscritti cerificati residenti a Lucca.

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Votazione online: il #ProgrammaEsteri del MoVimento 5 Stelle

Votazioni di oggi su Rousseau

votete.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Oggi 25 gennaio, dalle 10 alle 19, si svolgono due importanti votazioni su Rousseau aperte a tutti gli iscritti certificati, una per quelli di Palermo e una per quelli di Verona.
La prima aperta a tutti è quella relativa al settimo punto del nostro Programma di Governo sull’Energia. Il quesito su cui si vota oggi è il seguente: “La rete di distribuzione dell’energia deve essere privata o partecipata anche dai cittadini?” Puoi rileggere qui il post relativo.
L’altra invece riguarda le proposte di legge degli iscritti.
Siamo giunti alla quinta votazione su Lex Iscritti per decidere quali saranno le prossime due proposte che porteremo in Parlamento. Quipuoi rivedere tutte le proposte di questo turno.

Gli iscritti certificati residenti a Palermo votano per scegliere le candidate consigliere comunali per le prossime elezioni comunali, dopo il ritiro dalla lista di alcune iscritte, al fine di adempiere agli obblighi di legge riguardanti le quote di genere della composizione della lista. Ogni iscritto ha a disposizione una preferenza.

Gli iscritti certificati residenti a Verona votano per decidere il candidato sindaco del MoVimento 5 Stelle a Verona per le elezioni comunali. La scelta finale è tra quattro candidati:
– Francesco Carcangiu
– Francesco Chiarelli
– Alessandro Gennari
– Olimpia Paudice

Per partecipare alle votazioni accedi subito su Rousseau (rousseau.movimento5stelle.it)!

Buon voto!

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Votazioni di oggi su Rousseau

Votazioni di oggi: candidato sindaco di Palermo e programma Energia

vote.jpg

di MoVimento 5 Stelle

Oggi 18 gennaio si vota per decidere il candidato sindaco del MoVimento 5 Stelle a Palermo per le elezioni comunali e per il sesto quesito del programma Energia.

La scelta finale per il candidato sindaco di Palermo, dopo che tre dei cinque candidati si sono ritirati, è tra:
– Ugo Forello
– Igor Gelarda
Le votazioni saranno attive dalle 10 alle 19 e saranno aperte agli iscritti entro il primo luglio 2016 residenti a Palermo con documento certificato.

Per il sesto quesito del piano energia del MoVimento 5 Stelle possono votare tutti gli iscritti del MoVimento 5 Stelle entro il primo luglio 2016 con documento certificato. Il quesito odierno è: “Sei d’accorco con l’utilizzo dei terreni di uso marginale per impianti destinati alla produzione di energia rinnovabile?” Puoi leggere il post relativo al quesito qui.

Vota ora su Rousseau!

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Votazioni di oggi: candidato sindaco di Palermo e programma Energia

Votazione online: il gruppo politico europeo del MoVimento 5 Stelle

parlaeurop_fds.jpg

di Beppe Grillo

Siamo entrati nel Parlamento europeo con le elezioni del 25 maggio 2014.
Dopo una consultazione online tra gli iscritti, abbiamo dato vita al gruppo EFDD (Europe of Freedom and Direct Democracy) insieme agli inglesi di Ukip e altre delegazioni minori. Con loro abbiamo condiviso i valori della democrazia diretta e abbiamo capito che nessun gruppo politico che siede al Parlamento europeo, è caratterizzato da una totale convergenza di vedute tra le varie componenti.

Far parte di un gruppo politico significa avere diritto di parola durante le sessioni plenarie del Parlamento, essere rappresentati all’interno della Conferenza dei Presidenti, avere la possibilità di seguire l’iter legislativo come autori di regolamenti europei, ottenere fondi da spendere sul territorio, per le numerose attività d’informazione e formazione, rivolte ai cittadini italiani ed europei. Rifiutare di appartenere a un gruppo politico significa confluire nel raggruppamento dei Non Iscritti e perdere ognuna di queste opportunità. Significa occupare una poltrona con le mani legate: significa non poter lavorare.

I recenti avvenimenti europei, come la Brexit, ci portano a ripensare alla natura del gruppo EFDD. Con lo straordinario successo del Leave, Ukip ha raggiunto il suo obiettivo politico: uscire dall’Unione europea. Parliamo di fatti concreti: Farage ha già abbandonato la leadership del suo partito e gli eurodeputati inglesi abbandoneranno il Parlamento europeo nella prossima legislatura. Fino ad allora, i colleghi inglesi saranno impegnati a valorizzare le scelte che determineranno il futuro politico del Regno Unito.

Abbiamo studiato le percentuali di voto condiviso con Ukip e le atre delegazioni minori: la cifra non supera il 20%. Molto poco. Rimanere in EFDD equivale ad affrontare i prossimi due anni e mezzo senza un obiettivo politico comune, insieme a una delegazione che non avrà interesse a portare a casa risultati concreti. Ci ritroviamo nelle condizioni di rimanere in Parlamento con le prerogative derivanti dall’appartenenza a un gruppo politico, ma senza la possibilità di fare il massimo per realizzare il programma del MoVimento 5 Stelle in Europa. Non nascondiamo anche un certo disagio rispetto all’utilizzo improprio di capitali delle Fondazioni (a cui noi abbiamo rinunciato e continueremo a rinunciare) da parte di alcuni colleghi di EFDD, in riferimento alle notizie pubblicate e da cui prendiamo le dovute distanze.

Oggi abbiamo, per la seconda volta in tempi ravvicinati, l’opportunità di scegliere se e come dare un futuro al MoVimento 5 Stelle in Europa. Come sempre accade, a metà di una legislatura (dopo due anni e mezzo dall’inizio della stessa) si aprono i negoziati tra gruppi politici. Anche noi ne abbiamo valutati alcuni e tra quelli che ci interessavano, gli unici ad aprire il dialogo con noi sono stati gli eurodeputati di ALDE (Alliance of Liberals and Democrats of Europe). Abbiamo fatto un tentativo di dialogo anche con il gruppo dei VERDI, che ha rifiutato la nostra richiesta di confronto. Ci è stato comunicato che un eventuale ingresso del MoVimento 5 Stelle nel gruppo dei VERDI avrebbe infatti “sbilanciato” gli equilibri del gruppo stesso.

Le condizioni politiche alla base dei negoziati con ALDE sono molto chiare:
– condivisione dei valori di democrazia diretta, trasparenza, libertà, onestà;
totale e indiscutibile autonomia di voto;
– partecipazione dei cittadini nella vita politica delle Istituzioni europee;
– schieramento compatto nelle battaglie comuni come la semplificazione dell’apparato burocratico europeo, la risoluzione dell’emergenza immigrazione con un sistema di ricollocamento permanente, la promozione della green economy e lo sviluppo del settore digitale e tecnologico con maggiori possibilità occupazionali.

Il MoVimento 5 Stelle manterrebbe la sua piena autonomia con l’opportunità di dare vita a una nuova identità europea, che chiameremo DDM (Direct Democracy Movement) un progetto ambizioso che apre a un futuro in cui sempre più realtà europee condivideranno il valore della democrazia diretta.

ALDE conta 68 eurodeputati e con la presenza del MoVimento 5 Stelle diventerebbe la terza forza politica al Parlamento europeo. Questo significa acquisire un peso specifico di notevole importanza nelle scelte che si prendono. Significa in molti casi rappresentare l’ago della bilancia: con il nostro voto potremo fare la differenza e incidere sul risultato di molte decisioni importanti per contrastare l’establishment europeo. Non rinneghiamo le scelte del passato che ci hanno portato dove siamo oggi. Vogliamo affrontare nuove sfide con maggiore determinazione.

L’adesione al gruppo EFD, poi diventato EFDD, era stata successiva a una votazione online degli iscritti al MoVimento 5 Stelle. Oggi, alla luce delle considerazioni esposte vi chiediamo nuovamente cosa deve fare la nostra delegazione in Parlamento Europeo, le scelte possibili sono tre:
– Confluire nel gruppo politico ALDE
– Confluire nel raggruppamento dei Non Iscritti
– Rimanere nel gruppo politico EFDD

Puoi esprimere il tuo voto accedendo su Rousseau. Le consultazioni saranno aperte dalle 10 alle 19 di oggi 8 gennaio e dalle 10 alle 12 di domani 9 gennaio. Partecipate numerosi: dobbiamo scegliere il nostro futuro in Europa.

VOTA ORA!

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere Votazione online: il gruppo politico europeo del MoVimento 5 Stelle

ULTIMO GIORNO: Vota sul Non Statuto per l’eternità del MoVimento

di Beppe Grillo

Manca pochissimo, solo fino alle 21 di oggi, alla chiusura per la votazione sull’aggiornamento del Non Statuto. Se non l’hai ancora fatto VOTA SUBITO: http://bep.pe/VotaSubito
Vi prego di andare e di votare. Anche se perdete dieci minuti, sono dieci minuti del vostro tempo per un grande passo per l’umanità. L’aveva detto qualcun altro “piccolo passo, grande passo”. Per noi è un piccolo momento per dare l’eternità al MoVimento 5 Stelle.
Vi abbraccio tutti e andate a votare per l’aggiornamento del Non Statuto: http://bep.pe/VotaSubito

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Continua a leggere ULTIMO GIORNO: Vota sul Non Statuto per l’eternità del MoVimento